FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Governo, Gentiloni incassa la fiducia in Senato: 169 sì | Il premier: "Primo compito è completare le riforme"

Lega e Ala non hanno partecipato al voto, mentre il M5s è rimasto in Aula e si è espresso contro

Il Senato ha approvato la fiducia al governo di Paolo Gentiloni con 169 pareri favorevoli, 99 contrari e zero astenuti. "Quello appena insediato non è un governo di inizio legislatura, ma innanzitutto deve completare la eccezionale opera di riforma, innovazione, modernizzazione di questi ultimi anni", ha detto il premier nella sua replica a Palazzo Madama. "Sarebbe assurdo pensare di completare le riforme avviate senza continuità", ha aggiunto.

La protesta dei senatori M5s: "20 milioni di no al governo Gentiloni"

M5s resta in Aula e vota contro - Martedì la Camera ha votato a favore del nuovo esecutivo con 368 sì. Come già a Montecitorio, non hanno partecipato al voto in Senato Lega e Ala mentre il M5s stavolta è rimasto in Aula votando no alla fiducia. La maggioranza richiesta, su 269 presenti (e 268 votanti) era di 135 voti. Subito dopo il voto la seduta è stata sospesa. L'assemblea tornerà a riunirsi martedì 20 dicembre.

Stesso numero di sì del governo Renzi - Matteo Renzi, il 24 febbraio del 2014, superò il vaglio della fiducia in Senato con gli stessi pareri favorevoli (169), ma con 139 contrari.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali