FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Getta le coperte di un clochard nella spazzatura, vicesindaco di Trieste rischia una multa di 450 euro

Paolo Polidori si era vantato del gesto su Facebook scatenando le polemiche degli utenti: ora potrebbe essere sanzionato poiché non ha rispettato la differenziata come da regolamento comunale

Getta le coperte di un clochard nella spazzatura, vicesindaco di Trieste rischia una multa di 450 euro

Si era vantato su Facebook di aver gettato nella spazzatura coperte e altri oggetti che un clochard aveva abbondonato per strada a Trieste. L'azione raccontata sui social con tanto di foto del cassonetto aveva scatenato diverse reazioni della Rete: c'è chi lo ha criticato aspramente, chi invece ha mostrato solidarietà. Ora però il vicesindaco con delega alla sicurezza, Paolo Polidori, rischia di essere multato dai vigili urbani.

Polidori potrebbe incorrere in una sanzione di 450 euro per non aver rispettato la raccolta differenziata. Secondo il regolamento comunale di Trieste, infatti, non si possono buttare nel cassonetto per l'indifferenziata i tessuti (la coperta andava negli appositi contenitori gialli) né gli oggetti di plastica, cosa che invece il vicesindaco ha fatto, dato che tra gli oggetti c'era una bottiglietta d'acqua. E quindi, tocca alla polizia urbana notificargli la multa. Lo stesso organo di cui lui è responsabile.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali