FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Conte Pinocchio, Raggi e Papa: i "nuovi" soggetti di TvBoy tra le strade di Roma

A un anno esatto da “Amor Populi”, l’ormai iconico murale che raffigura il bacio tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, TvBoy torna a Roma per lanciare una nuova provocazione intitolata “Il Gatto e la Volpe”. Il murale apparso a due passi da Montecitorio, in vicolo della Torretta, richiama la celebre favola di Carlo Collodi e raffigura Giuseppe Conte nei panni di Pinocchio e Matteo Salvini e Luigi Di Maio, in quelli del gatto e la volpe. Lʼopera fa evidentemente riferimento allʼaccusa di essere un ʼburattinoʼ lanciata lo scorso 12 febbraio dal capogruppo dei Liberaldemocratici Guy Verhofstadt. Ma il Gatto e la Volpe non è l’unica provocazione apparsa tra i palazzi romani. A via dei Pianellari, sempre in centro, cʼè unʼaltra opera “L’arte è per sempre” dedicata al sindaco di Roma, Virginia Raggi: il ruferimento è alla cancellazione da parte dell’amministrazione comunale, di tutte le opere di Tvboy. Infine il terzo murale, affisso a Vicolo degli Osti, ritrae Papa Francesco che tiene sulle spalle un bambino mentre scrive la frase: “Stop Abuse”. L’opera vuole essere un augurio alla risoluzione degli abusi sessuali sui minori da parte di uomini della Chiesa.

Conte Pinocchio, Raggi e Papa: i "nuovi" soggetti di TvBoy tra le strade di Roma

clicca per guardare tutte le foto della gallery

A un anno esatto da “Amor Populi”, l’ormai iconico murale che raffigura il bacio tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, TvBoy torna a Roma per lanciare una nuova provocazione intitolata “Il Gatto e la Volpe”. Il murale apparso a due passi da Montecitorio, in vicolo della Torretta, richiama la celebre favola di Carlo Collodi e raffigura Giuseppe Conte nei panni di Pinocchio e Matteo Salvini e Luigi Di Maio, in quelli del gatto e la volpe. L'opera fa evidentemente riferimento all'accusa di essere un 'burattino' lanciata lo scorso 12 febbraio dal capogruppo dei Liberaldemocratici Guy Verhofstadt. Ma il Gatto e la Volpe non è l’unica provocazione apparsa tra i palazzi romani. A via dei Pianellari, sempre in centro, c'è un'altra opera “L’arte è per sempre” dedicata al sindaco di Roma, Virginia Raggi: il ruferimento è alla cancellazione da parte dell’amministrazione comunale, di tutte le opere di Tvboy. Infine il terzo murale, affisso a Vicolo degli Osti, ritrae Papa Francesco che tiene sulle spalle un bambino mentre scrive la frase: “Stop Abuse”. L’opera vuole essere un augurio alla risoluzione degli abusi sessuali sui minori da parte di uomini della Chiesa.