FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Chi è Domenico Arcuri, il commissario per l'emergenza coronavirus

Una carriera di manager pubblico, passato dall'Iri ad Invitalia, che ora è il braccio operativo pubblico al quale il governo affida lo sviluppo degli investimenti e delle imprese. E' questo il profilo di Domenico Arcuri, 49 anni, calabrese, recentemente confermato amministratore delegato di Invitalia, che guida dal 2007 del quale ha accompagnato la crescita.   Arcuri si è laureato in Economia e Commercio alla Luiss nel 1986 con una tesi sulla "Redditività economica e sociale degli investimenti pubblici nel Mezzogiorno". Dallo stesso anno ha lavorato all'IRI nella direzione pianificazione e controllo dove si è occupato delle aziende del gruppo posizionate nei settori delle telecomunicazioni, dell'informatica e della radiotelevisione, poi dal 1991 in Pars, joint venture tra Arthur Andersen e GEC nel settore della consulenza ad alto contenuto tecnologico, dove nel 1994 è diventato Amministratore Delegato. Nel 2001 è partner responsabile "Telco, Media e technology" di Arthur Andersen, poi acquisita da Deloitte, della quale è poi diventato partner e, infine, amministratore delegato di Deloitte Consulting.

Chi è Domenico Arcuri, il commissario per l'emergenza coronavirus

clicca per guardare tutte le foto della gallery

Una carriera di manager pubblico, passato dall'Iri ad Invitalia, che ora è il braccio operativo pubblico al quale il governo affida lo sviluppo degli investimenti e delle imprese. E' questo il profilo di Domenico Arcuri, 49 anni, calabrese, recentemente confermato amministratore delegato di Invitalia, che guida dal 2007 del quale ha accompagnato la crescita.

 

Arcuri si è laureato in Economia e Commercio alla Luiss nel 1986 con una tesi sulla "Redditività economica e sociale degli investimenti pubblici nel Mezzogiorno". Dallo stesso anno ha lavorato all'IRI nella direzione pianificazione e controllo dove si è occupato delle aziende del gruppo posizionate nei settori delle telecomunicazioni, dell'informatica e della radiotelevisione, poi dal 1991 in Pars, joint venture tra Arthur Andersen e GEC nel settore della consulenza ad alto contenuto tecnologico, dove nel 1994 è diventato Amministratore Delegato. Nel 2001 è partner responsabile "Telco, Media e technology" di Arthur Andersen, poi acquisita da Deloitte, della quale è poi diventato partner e, infine, amministratore delegato di Deloitte Consulting.