FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fino a 18 anni per chi sfregia con lʼacido: il Senato discute la legge

La norma che istituisce il nuovo reato di omicidio di identità è stata firmata dalle senatrici di tutti i partiti politici

Il reato di omicidio d'identità potrebbe presto entrare nel codice penale italiano per sanzionare con pene molto pesanti, sino a 18 anni di carcere, chi lesiona al volto una persona utilizzando acido o fuoco. Questo il contenuto di un disegno di legge portato avanti dalle senatrici di tutti i partiti, fatto unico in questa legislatura, e adesso presentato in Senato dalla prima firmataria, Laura Puppato (Pd) e dal ministro per la Pubblica Istruzione Valeria Fedeli.

Se dovesse essere approvata, la legge sarebbe la prima di tal genere in tutta Europa. L'obiettivo è quello di creare uno strumento legislativo per regolamentare i casi di sfregio e le lesioni gravissime subite da diverse donne (si pensi alle vicende di Carla CaiazzoLucia Annibali o Gessica Notaro) ma anche da uomini (come nel caso di William Pezzullo).

Con l'ufficio legislativo del gruppo Pd al Senato hanno collaborato anche l'avvocato Maurizio Zuccaro e la criminologa Virginia Caravolo che assistono Carla Caiazzo, la donna data alle fiamme il 2 febbraio di un anno fa dall'ex compagno mentre era incinta.

"Spero che questa legge veda la luce molto presto. Anche se non si può più applicare a me, spero che possa evitare tante vicende come la mia", ha detto Carla Caiazzo che ha partecipato in prima persona alla presentazione della norma . "Da qui dico a tutte le donne di urlare che la violenza è sempre dannosa. Che è giusto condannare gli uomini e cercare di educarli a scuola, sin da piccoli, al rispetto degli altri. I bambini - ha concluso tra gli applausi - reagiscono a quello che vivono in casa e attraverso la loro formazione possiamo salvare qualche donna".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali