FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elezioni, Renzi: "Basta chiacchiere, ora al lavoro e alla lotta" | E il Pd annuncia i primi candidati

Tra i nomi che sicuramente saranno in lista ci sono Carla Cantone e Paolo Siani

Elezioni, Renzi: "Basta chiacchiere, ora al lavoro e alla lotta" | E il Pd annuncia i primi candidati

"Se il governo non lo facciamo noi, va nelle mani di chi ha un rapporto strano con la realtà. Come Salvini e Di Maio che sono gemelli diversi". A dirlo, durante la direzione del Pd, è il segretario del partito, Matteo Renzi, che invita: "Ora basta chiacchiere, al lavoro e alla lotta". Per Renzi, nei sondaggi "i segnali di una ripresa ci sono", ma "non si può vincere parlando solo alla testa degli elettori".

E arrivano anche i primi nomi dei candidati per il Pd. Il medico napoletano Paolo Siani. L'ex segretaria dei pensionati della Cgil Carla Cantone. E i ministri in carica, a partire dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Matteo Renzi annuncia i primi candidati ufficiali del Partito democratico alle prossime elezioni.

Per tutti gli altri, a partire dai parlamentari in carica, l'attesa si protrae di altri dieci giorni: sapranno se sono in lista non prima del 25. Con un'avvertenza: non ci sarà posto per tutti gli uscenti e "non ci sono collegi sicuri" tranne per chi porta voti. Renzi, riunendo la direzione, ammette che la sfida è particolarmente "difficile" per il Pd. Per questo la richiesta è mettere da parte le discussioni e i giochi "sul dopo" e fare squadra, andando "casa per casa".

"Una presenza così ampia dimostra che quando si parla di clima e ambiente la partecipazione è massiccia...", premette Renzi guardando la platea che affolla la sala del Nazareno che ospita la riunione della direzione. Il segretario, il cui cellulare in questi giorni è intasato dai messaggi di autopromozione, ironizza sull'ansia da candidatura malcelata dai deputati che nel pomeriggio sono alla Camera per votare le missioni, poi tracimano in direzione, come De Luca Jr.

E prova a riportare l'attenzione del partito sulla palla della campagna elettorale. C'è chi tra i Dem già fa scenari per il dopo e chi al segretario ha suggerito di fare un passo di lato in favore di un altro candidato premier. Ma Renzi avverte che il suo schema è "fare squadra", puntando sul valore aggiunto di avere "un team più credibile degli altri". Tutti uniti, per contendere i singoli voti "casa per casa: ogni ragionamento sul dopo si fa dopo, basta discussioni".

Ma per Renzi i nemini della campagna elettorale non sono all'interno: "C'è un evidente disegno strategico con di noi e contro il Pd", un disegno alimentato da "fake news" come quella sui sacchetti di plastica e "prove fabbricate" come quelle di Consip. Il Pd, annuncia, si concentrerà sulle proposte, a partire da quella che sarà lanciata sabato, di un'Europa più politica, e sulla concretezza per invertire il trend negativo dei sondaggi ("Ci sono già segnali di ripresa") conquistando i moderati.

Il leader Dem ribadisce che punterà sul simbolo Pd per essere "primo partito" e, quanto alla coalizione, annuncia che si stanno per chiudere gli accordi con +Europa, Insieme (i suoi esponenti in giornata incontrano i Dem) e Civica e popolare, mentre in giornata sigla l'intesa con Svp e Patt.

Il regolamento per le candidature - Quanto alle candidature, la direzione approva all'unanimità un regolamento che esclude gli eletti uscenti che non sono in regola con il pagamento delle quote al partito e per il resto affida ogni decisione finale, su proposta dei territori, al segretario. "Decide tutto Renzi", sintetizzano dalla minoranza. E così, se si escludono il premier e i ministri in carica, ai quali la deroga per la ricandidatura è stata già concessa, per i consiglieri regionali, così come per gli esponenti Dem che hanno superato i 15 anni di mandato in Parlamento, da Roberto Giachetti a Beppe Fioroni e Piero Fassino, sarà il leader Dem ad avere l'ultima parola. La direzione per le liste sarà la prossima settimana.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali