FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Draghi a Casellati: "Varare il ddl Concorrenza entro maggio"

Il premier richiama i partiti a sbloccare il provvedimento, ancora in stallo per via del disaccordo sulla questione dei balneari, al fine di rispettare "gli impegni assunti con il Pnrr, entro il mese di dicembre 2022"

 draghi, washington
Ansa

Il premier Mario Draghi ha scritto una lettera al presidente del Senato in cui chiede tra l'altro che il ddl Concorrenza venga approvato entro maggio.

Maria Elisabetta Alberti Casellati ha girato il testo al presidente della decima commissione di Palazzo Madama e a tutti i capigruppo. I contenuti della missiva saranno oggetto di discussione alla prossima conferenza dei capigruppo, che si terrà martedì alle 15.


Il nodo dei balneari -

Il giorno dopo il Consiglio dei ministri lampo di giovedì, con

il richiamo ai partiti a sbloccare il provvedimento

, Mario Draghi fa un nuovo passo, scrivendo al presidente del Senato, dove il ddl è fermo da mesi alla Commissione Industria

a causa del mancato accordo

tra i partiti, in particolare sulla questione dei balneari. Nella lettera Draghi ricorda che il ddl è stato presentato al Senato il 3 dicembre scorso e segnala che la commissione ha fissato il termine per gli emendamenti e i sub emendamenti fra il 14 e 17 marzo scorso e "ad oggi, malgrado numerose riunioni con le forze parlamentari, le operazioni di voto non risultano effettivamente iniziate". "Coerentemente con gli

impegni assunti con il Pnrr

, entro il mese di dicembre 2022 - conclude Draghi - risulta necessario approvare non solo il disegno di legge annuale sulla concorrenza e il mercato, ma anche i relativi strumenti attuativi".


 


Il pressing sui partiti -

"Il Pnrr - osserva il presidente di Confindustria Carlo Bonomi - ci dà una grande occasione per fare le riforme che però sono ferme.

Il premier ha dovuto convocare d'urgenza il CdM per richiamare tutti agli impegni presi

". Da martedì il provvedimento sarà all'esame della Commissione Industria di

Palazzo Madama

: in quella sede i partiti tenteranno di arrivare a un'intesa sui balneari. Ma non sarà facile chiudere in pochi giorni uno scontro che va avanti da mesi. Il

Pd

spinge per un rapido via libera. Anche l'

ala "governista" di Forza Italia

appoggia apertamente l'iniziativa di Draghi, mentre quella più vicina alle associazioni tiene il punto: secondo

Massimo Mallegni

, senatore e capo del dipartimento Turismo azzurro, "la questione dei balneari non c'entra proprio nulla con il Pnrr". "Non si perde nulla se aiutiamo 30mila imprese italiane e 1 milione di addetti nel suo complesso. Se poi qualcuno che sta al Governo si è accordato per svendere il nostro Paese alle multinazionali del nord europea allora - attacca - che lo dicessero". Toni simili a quelli scelti da

Giorgia Meloni

: "Le 30mila nostre imprese - osserva la leader FdI - hanno investito soldi sulla base di concessioni e rispettando la legge, domani tutto deve andare all'asta? Allora a vincere sono le multinazionali straniere". Ma dalla kermesse azzurra di Napoli interviene

Silvio Berlusconi

, che smorza le polemiche appoggiando implicitamente il premier: "Noi volevamo un po' più tempo ma va bene anche così. Abbiamo giorni sufficienti. Se dall'altra parte ci sarà razionalità e buonsenso - osserva - si può fare tutto entro fine maggio". Più freddo

Matteo Salvini

: il leader della Lega, pur assicurando che alla fine "si troverà un'intesa come accaduto per il catasto".


 


La sollecitazione scritta - 

La

 

novità è la lettera del premier alla seconda carica istituzionale della Repubblica, dai toni particolarmente decisi: "Nel rispetto delle prerogative parlamentari - scrive Draghi -

senza una sollecita definizione dei lavori del Senato" con l'iscrizione in Aula del ddl sulla concorrenza "e una sua rapida approvazione entro fine maggio, sarebbe insostenibilmente messo a rischio il raggiungimento di un obiettivo fondamentale del Pnrr

". La pazienza di Draghi è finita. E forse non a caso, stamani, rispondendo agli studenti nel corso della visita a una scuola nel veronese ha ricordato qual è la sua idea di governo: "La responsabilità la sento molto. E questo è parte della serietà. Guidare un Paese in un momento difficile è responsabilità. Ma la responsabilità è anche agire,

fare le cose

".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali