FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Di Maio rincara la dose con Di Battista: "Basta destabilizzare il M5s"

Di Battista replica: "A destabilizzare il governo è Salvini che, da ministro dellʼInterno, convoca i sindacati. Temo che voglia far saltare tutto. Vuole la flat tax, ma dove sono le coperture?"

"Non mi interessa se in buona o cattiva fede, ma se qualcuno destabilizza il Movimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la nostra capacità di orientare il governo". E' quanto scrive Luigi Di Maio su Fb riferendosi, pur senza nominarlo, ad Alessandro Di Battista. "Farlo ora che il premier sta portando avanti una trattativa difficilissima con l'Ue è da incoscienti", attacca. Di Battista replica: "Solo Salvini destabilizza il governo".

E spiega: "Ho visto il ministro dell'Interno annunciare che intende convocare i sindacati, questo è un modo di destabilizzare il governo, un ministro dell'Interno deve fare il ministro dell'Interno", ha detto Di Battista a "1/2 h in più". Sugli attacchi del collega di partito ha assicurato: "Di Maio è un po' arrabbiato ma quando uno è arrabbiato poi si chiarisce". Ha poi ribadito che non intende destabilizzare nulla e ha chiarito: "Io sono un ex parlamentare che non sta nel governo, che esprime idee su determinati temi, e credo di averne il diritto e il dovere dopo aver contribuito a far crescere il Movimento".

Di Maio: "Io sono al governo per cambiare l'Italia" - Nel suo lungo intervento social, il vicepremier M5s afferma: "Il Movimento ha deciso, dopo le elezioni europee, che io dovessi continuare ad essere il capo politico del Movimento. Da sempre ho incentrato il mio ruolo su un obiettivo: il Movimento 5 Stelle al Governo per cambiare l'Italia. E così sarà". "Il Movimento 5 Stelle", sottolinea, "sta governando da un anno la settima potenza mondiale e la seconda forza manifatturiera d`Europa: l'Italia. Ogni giorno, quando agiamo come forza politica, abbiamo la responsabilità di 60 milioni di italiani e spesso, esercitando il potere di veto, di 500 milioni di europei. Nel 2018 siamo stati votati da circa 11 milioni di italiani per realizzare un programma, ma soprattutto per riportare questo Paese al posto che merita nel mondo. Quegli 11 milioni di italiani però erano il 33%, non il 51%. Così, per riuscire ad ottenere i risultati promessi, abbiamo deciso di creare questo Governo con un’altra forza politica: la Lega. Abbiamo evitato alleanze e abbiamo sottoscritto un contratto".

Di Battista: "La Lega vuol far saltare tutto. Quali coperture per la flat tax?" - Ma a questo proposito Di Battista non la pensa esattamente allo stesso modo, come ha spiegato ancora a "1/2 h in più". "Da parte della Lega è in atto una provocazione continua a danno del M5s, perché credo, ma posso sbagliarmi, che nella testa dei dirigenti leghisti ci sia l'idea di buttare tutto all'aria, e questo sarebbe grave". E ha poi affondato sulla flat tax dicendo: "Se fossi Di Maio chiederei a Salvini dove intende trovare i soldi per la flat tax. Io sono perfettamente d'accordo ma dove sono i soldi?".

Di Maio: "Al governo un lavoro delicato e di contrattazione" - "Il mio ruolo", dice ancora il vicepremier riguardo al suo lavoro a Palazzo Chigi, "non è per niente semplice. Ogni volta che sono riuscito a far approvare una proposta di legge che poi, una volta Legge, ci ha riempito di orgoglio, ho dovuto fare un accordo di maggioranza ad un vertice di maggioranza. Mi sono seduto al tavolo per ore e per notti intere ed ho contrattato ogni punto, visto che non abbiamo mai avuto una maggioranza autonoma. Ogni volta che abbiamo preso decisioni su leggi che hanno cambiato o cambieranno la vita a milioni di italiani, ho dato il massimo per trovare la quadra e ottenere il miglior risultato per i cittadini, nonostante le profonde differenze di vedute che c’erano all’interno del Governo. Ho fatto solo il mio dovere, ma questo non vuole dire che sia stato semplice".

"A quel tavolo", ricorda, "siamo riusciti in un anno a trovare la quadra su provvedimenti storici come Reddito di Cittadinanza, Quota 100, Legge Anticorruzione, Decreto Dignità, Decreto Crescita, Decreto Sblocca Cantieri, Taglio dei vitalizi, taglio delle pensioni d’oro, sblocco fondi per i comuni italiani, taglio di un terzo dei parlamentari, due miliardi di euro all'innovazione digitale e tanto altro. Ben 8 provvedimenti ogni 10 sono stati del Movimento 5 stelle. Voi direte: 'ma erano già nel contratto'. Sì. Ma c'è una bella differenza tra il dire 'faremo la legge anticorruzione' e il trovare la quadra sulla possibilità di sbloccare il virus trojan nelle intercettazioni telefoniche per corruzione. Tutti risultati che mi rendono fiero di appartenere al Movimento. La forza di contrattare a quei tavoli proviene fondamentalmente da due fattori: capacità personali e compattezza della forza politica che rappresenti. Oggi vorrei soffermarmi su questo secondo punto. Quando due forze politiche si siedono al tavolo attraverso i loro capi politici, ognuno dei due deve poter garantire che sugli accordi che si prendono, i parlamentari, i sindaci, i governatori, agiranno di conseguenza. Se non è così possono sorgere seri problemi. Ed è anche per questo che in passato quando qualcuno non ha votato la fiducia al Governo è stato espulso", ricorda.

Nugnes: "Lascio il Movimento" - La linea di Di Maio non piace alla senatrice Paola Nugnes che ha annunciato, in un'intervista al Manifesto, l'intenzione di lasciare il Movimento 5 Stelle e passare al gruppo Misto, accusando il capo politico M5s di controllare "ogni aspetto" della vita del Movimento. Di Maio ha replicato così, in un duro post su Facebook: "Leggo che la senatrice Nugnes vuole lasciare il M5s anche perchè reputa la legge che taglia 345 parlamentari una legge anti democratica. Se si vuole tradire una promessa, bisognerebbe dimettersi e non passare al Misto".

Di Maio: "In Senato maggioranza salda" - "I numeri per la maggioranza sono ben saldi, in giunta per le elezioni al Senato stiamo per dare l'ok all'ingresso di due nuovi senatori: il seggio del Movimento in Sicilia mai assegnatoci e il seggio della Lega in Emilia Romagna a seguito della vittoria di un ricorso", scrive comunque ancora Di Maio e aggiunge: "Devo ringraziare i nostri parlamentari per il lavoro di questi mesi, soprattutto nelle ultime settimane hanno dato il massimo per convertire il decreto crescita, il decreto sbloccantieri e si apprestano a votare definitivamente il taglio del numero dei parlamentari, i provvedimenti per abbassare le tasse alle imprese, aiuteranno i comuni ad assumere pià personale per garantire servizi agli italiani, sbloccheranno infrastrutture fondamentali e taglieranno poltrone. È vero che è il loro lavoro, ma con livelli di pressione inimmaginabili, credetemi. Tutti ci stiamo impegnando per il Paese e il nostro lavoro va rispettato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali