FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Definì "razzista" la Lega, Kyenge processata per diffamazione

Lʼeuroparlamentare venne querelata dal vicepremier Matteo Salvini, allʼepoca dei fatti segretario del Carroccio

Definì "razzista" la Lega, Kyenge processata per diffamazione

L'europarlamentare del Pd Cecile Kyenge è chiamata a rispondere davanti ai magistrati per aver accusato la Lega di razzismo. Il processo, per diffamazione, si è aperto al tribunale di Piacenza con la prima udienza. La Kyenge venne querelata dal vicepremier Matteo Salvini, all'epoca dei fatti segretario leghista, per aver definito razzista il suo partito durante una festa dell'Unità a Parma.

Durante l'intervista, la Kyenge disse: "La Lega è razzista", riferendosi alla polemica allora legata a una foto pubblicata su Facebook da Fabio Rainieri, politico parmense e all'epoca segretario della Lega Nord dell'Emilia. Nell'immagine l'attuale parlamentare europea veniva paragonata a un orango.

Matteo Salvini, in qualità di segretario della Lega, la querelò per diffamazione. "Ho deciso di rinunciare alla mia immunità parlamentare perché penso che i politici debbano assumersi le proprie responsabilità", ha detto la Kyenge poco prima di entrare in aula a Piacenza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali