FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elezioni, il Senato dà il via libera alla fiducia con 158 sì | Raggiunto il numero legale: questa volta il decreto è legge

Giovedì il clamoroso annullamento del voto per un errore nei conteggi della vicepresidente Taverna (M5s), che sostituiva La Russa (non accadeva dal 1989). Il senatore Fi Gasparri ne chiede le dimissioni

senato generica

Il Senato ha votato la fiducia sul decreto elezioni, che ora è legge: 158 i voti favorevoli, zero contrari e astenuti. I senatori presenti erano 162. L'opposizione, come già accaduto giovedì nel voto poi annullato per il mancato raggiungimento del numero legale, non era in Aula. Un applauso liberatorio della maggioranza "giallorossa" ha salutato l'approvazione della fiducia sul provvedimento, ponendo fine a ore di apprensione.

Giovedì l'annullamento del voto Oggi, nessun problema di numero legale e sollievo per la tenuta del governo, dopo il clamoroso annullamento del voto di giovedì per un errore nei conteggi dato che non era stato raggiunto il numero legale (150, i votanti invece erano stati 149); l'annullamento è un evento che ha pochi precedenti nella storia parlamentare italiana, l'ultimo nel 1989. E ora mentre il centrodestra attacca la senatrice Taverna per l'annuncio di giovedì sull'approvazione del decreto elezioni, poi rivelatosi sbagliato, il Pd mostra malumori per la gestione dell'Aula da parte della presidente Elisabetta Casellati, giudicata come "troppo schiacciata su Salvini". 

 

Marcucci: "Ha prevalso il senso di responsabilità" "La destra di Salvini e della Meloni organizza agguati, ma poi opta per il week-end lungo. Una scommessa sulla pelle del Paese, che umilia ancora una volta il Senato. La notizia invece è che la maggioranza regge e si distingue per senso di responsabilità", ha commentato il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci.

 

Le parole di Conte ai capigruppo: "Chapeau se ci siete tutti" Prima dell'inizio della seduta d'Aula in Senato, i capigruppo della maggioranza, che erano riuniti nella sala del governo di Palazzo Madama con il ministro Federico D'Inca hanno ricevuto una telefonata dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Lo riferiscono fonti di maggioranza. Il premier ha chiesto di essere messo in viva voce: "Quando ieri sera sono stato avvertito che in Senato sareste stati richiamati a votare oggi alle 9.30, ho pensato 'mission impossible'. Invece chapeau, se ci siete tutti, siete stati davvero bravi", ha affermato. A quel punto, spiegano le fonti, è intervenuto il capogruppo del Pd Andrea Marcucci che, al telefono con Conte, ha replicato: "Presidente, a questo punto ci deve una cena".

 

Gli attacchi di Gasparri e lo scontro Casellati-Taverna Intanto continuano gli attacchi del senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri alla vicepresidente Paola Taverna (M5s). "Ribadisco la richiesta delle dimissioni della vicepresidente Taverna", per aver proclamato un risultato poi annullato, ha attaccato Gasparri. La presidente del Senato Elisabetta Casellati non ha accettato la versione del senatore forzista: "La senatrice Taverna ha proclamato un risultato che è venuto fuori da un conteggio, la presidenza non ha nessun tipo di responsabilità", ha ribadito la Casellati. La Taverna si è difesa attaccando il centrodestra: "Ieri ho sostituito il vicepresidente La Russa che era assente scientemente, conoscendo l'intenzione di far mancare il numero legale". Le parola della senatrice pentastellata non sono però piaciute alla presidente di Palazzo Madama che ha replicato in maniera piccata: "Non capisco cosa dice, lei sostituisce e basta. E' una volontà di polemica inaccettabile".

 

Di Maio: "Abbassare i torni, politica sia responsabile" In difesa della Taverna è intervenuto anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che sferza l'opposizione: "Gli attacchi mossi contro Paola Taverna sono del tutto ingiustificati e strumentali, volti ad alzare il livello di tensione in Parlamento e aprire spaccature che fanno solo male al Paese. In questo momento, la politica tutta deve abbassare i toni dello scontro e mostrarsi responsabile". "Questo è ciò che ci chiede il Paese: lavorare per dare risposte immediate ed è quello che il governo e la maggioranza stanno facendo", ha evidenziato Di Maio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali