FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

De Falco (M5s): "Il decreto sicurezza non mi piace ma non chiamatemi dissidente"

Intervistato da "W lʼItalia", il senatore grillino spiega perché non è dʼaccordo con alcune misure previste dal testo messo a punto dalla Lega

"Sono nato in un Paese libero e, se possibile, vorrei rimanerci". Con queste parole si apre a W l'Italia, in onda su Rete 4, l'intervista a Gregorio De Falco, il comandante che ordinò a Schettino di tornare a bordo della Concordia e oggi senatore pentastellato, parlando del decreto sicurezza - una misura con la quale non si trova d'accordo. "Rendere invisibili migliaia e migliaia di persone, si dice 120mila, potrebbe peggiorare la situazione sotto il profilo della sicurezza per i cittadini."

Secondo De Falco si tratta di un provvedimento incostituzionale e del testo contesta lo stop ai permessi di soggiorno per motivi umanitari, il prolungamento dei tempi di trattenimento nei centri per i rimpatri e l'aumento dei reati per cui si revoca lo status di rifugiato. "Credo che ci siano dei punti da aggiustare nel decreto sicurezza ma a parte questo io sono perfettamente in linea con il Movimento. Probabilmente è mancato un momento di sintesi delle posizioni nostre e della Lega".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali