FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Crisi di governo, si allontana l'ipotesi di un Draghi bis | M5s divisi sui ministri, Lega e FI: "Irresponsabili"

Mercoledì il premier in Senato. Pressing di Giorgia Meloni per il voto, le speranze del Pd per un ripensamento del presidente del Consiglio

Le dimissioni di Draghi breaking news sui media mondiali

Il Draghi bis si allontana e la legislatura appare sempre più in bilico.

I partiti hanno ancora quattro giorni per trattare e rimettere insieme i pezzi della crisi che si è aperta con il non voto di fiducia dei

Cinquestelle

al Senato, ma si tratta di un'impresa in salita. Le divisioni diventano più marcate e il Movimento guidato da

Giuseppe Conte

continua a essere attraversato da profonde tensioni avvicinando le urne. Ritirare o meno la delegazione al governo è la domanda che manda in tilt i pentastellati nelle stesse ore in cui

Salvini e Berlusconi

chiudono a qualsiasi ipotesi di poter continuare a sedere insieme ai 5S nell'esecutivo.

 


Il Pd, che continua a sperare in un ripensamento di Draghi, resta convinto che "formato e perimetro" della maggioranza debbano rimanere inalterati. Ma se queste sono le "premesse", osserva il sottosegretario a Palazzo Chigi Bruno Tabacci, "la legislatura è finita". E anche il leghista Giancarlo Giorgetti ammette che "le squadre sono ormai stanche" e che la "partita sia difficile da sbloccare".


 



 


L'agenda del premier Draghi -

La missione in Algeria del premier Mario Draghi prevista per la prossima settimana è stata ridotta a un solo giorno. Martedì le ultime riflessioni, poi mercoledì il presidente del Consiglio si presenterà alle Camere così come richiesto dal capo dello Stato, Sergio Mattarella. Nonostante il pressing del Colle, della politica, e il sostegno delle cancellerie, europee e non solo, Draghi pare restare irremovibile: mercoledì sarà il giorno del suo congedo dal Parlamento, quello che sancirà, definitivamente, la conclusione dell'esperienza delle larghissime intese.


 


Il pressing per fargli cambiare idea -

Certo, il premier resterà al suo posto per gli affari correnti. E proseguirà nel percorso di confronto con le parti sociali per mettere a punto il promesso "corposo" decreto anti-crisi, per tamponare ancora i rincari di bollette e benzina, e per attenuare gli effetti dell'inflazione su famiglie e imprese. Ma la manovra, almeno questo è l'orientamento attuale, spetterà al nuovo governo. Nel frattempo si moltiplicano i tentativi di fagli cambiare idea: dalla petizione lanciata da Matteo Renzi al tentativo del Dem di ricompattare la larghissima maggioranza. 


 



 


La posizione del centrodestra -

Per Giorgia Meloni è decisamente arrivata l'ora delle elezioni, mentre nelle parole di Matteo Salvini e Silvio Berlusconi si intravedono molte più sfumature. "Ascolteremo con rispetto e attenzione le considerazioni del presidente Mario Draghi" alle Camere, affermano all'unisono i leader di FI e Lega, bollando i Cinquestelle come irresponsabili. Promettendo che "il centrodestra di governo continuerà a difendere gli interessi degli italiani con serietà e coerenza, non avendo certamente timore del giudizio degli italiani". Nessuna chiusura esplicita a un eventuale Draghi bis da parte di azzurri e leghisti ma, con la consapevolezza che "non è più possibile contare sul Movimento 5 Stelle in questa fase così drammatica". 


 


Si muovono anche Ue e Usa: "Draghi resti, serve stabilità" -

 La crisi di governo italiana diventa un caso mondiale, intersecandosi con la guerra in Ucraina e con un contesto internazionale segnato dall'emergenza energetica e inflazionistica. E dagli Usa all'Unione Europea, porta i grandi dell'Occidente ad esporsi piuttosto nettamente non solo a favore del ritorno della stabilità politica in Italia ma anche affinché Mario Draghi resti a Palazzo Chigi. Joe Biden ha "grande rispetto e considerazione" nei confronti di Draghi e sta naturalmente "seguendo con attenzione tutti gli sviluppi politici a Roma: dobbiamo aspettare e vedere cosa accadrà", ha confermato il consigliere per la sicurezza nazionale Usa, Jake Sullivan. 


 


Crisi di governo, il web ci ride su...e i meme su Sergio Mattarella invadono i social

Disperato, tanto da pensare all'opzione Amadeus, oppure con i super poteri pronto a incenerire tutti, o ancora in versione Homer Simposon mentre si dilegua tra i cespugli nella speranza di tirarsi fuori da una situazione non certo semplice. Da quando Mario Draghi ha dato le dimissioni, il popolo del web si è sbizzarrito sui social, immaginando le reazioni d'animo del presidente della Repubblica, ancora una volta chiamato a far quadrare i conti di un esecutivo sul punto di cadere. Di nuovo.

Leggi Tutto Leggi Meno


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali