FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, via libera al nuovo decreto: ecco cosa si può fare | In zona rossa stop alle visite ad amici e parenti

No agli spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo. La possibilità di spostarsi verso un'altra abitazione privata una volta al giorno, in massimo due persone, resta nelle zone gialle e arancioni

Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto legge Covid. Il provvedimento proroga il divieto di spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo. Resta nelle zone gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone, con i figli minori di 14 anni. Questa possibilità non varrà più nelle aree rosse.

Covid, primo decreto governo Draghi Il primo decreto sull'emergenza Covid del governo di Mario Draghi conferma la linea del rigore e introduce, anzi, un ulteriore inasprimento rispetto al provvedimento che scadrà il 25 febbraio, frenando, per ora, il pressing delle Regioni ma anche di parte della nuova maggioranza, a partire dalla Lega.

 

Spostamenti: le regole fino al 27 marzo

 

Spostamenti interdetti Per altri 30 giorni, dunque, la mobilità sarà interdetta in tutta Italia, ad eccezione degli "spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute" e per far rientro "alla propria residenza, domicilio o abitazione". Questa scelta è in linea con quanto sollecitato dagli scienziati che da tempo ripetono come il blocco degli spostamenti sia una delle chiavi per tentare di arginare il diffondersi delle varianti del virus.

 

Norme più restrittive Ma il Consiglio dei ministri è andato oltre, ritenendo anche necessario modificare la norma che consentiva tra le 5 e le 22 la possibilità di andare a trovare amici o parenti in un'abitazione diversa dalla propria, una sola volta al giorno e in massimo due persone oltre ai figli minori di 14 anni.

 

Troppa folla: interventi in via del Corso a Roma e sul lungomare di Napoli | Assembramenti anche in centro a Bologna

Folla nel pomeriggio al centro di Roma. Chiusure momentanee da parte della polizia locale sono scattate su via del Corso e strade limitrofe per far defluire le persone. A Napoli a causa del progressivo aumento di persone sul lungomare, è stato transennato il marciapiede che da piazza Vittoria porta verso Santa Lucia. In particolare è stato interdetto l'accesso consentendo solo l'uscita di chi si trovava già all'interno dell'area che comprende i locali del lungomare. La misura, concordata in occasione di un tavolo tenuto nei giorni scorsi in Prefettura, è servita ad evitare assembramenti. Folla anche a Bologna: piene le vie dello shopping - la T pedonale di via Indipendenza, Ugo Bassi e Rizzoli -, la zona universitaria e le strade della movida, con il tutto esaurito in bar e ristoranti. A Milano la polizia è intervenuta per disperdere un maxi assembramento di giovani in Via Mercanti, in pieno centro

 

Divieti nelle zone rosse Il vecchio decreto consentiva questo tipo di spostamenti all'interno della regione in zona gialla e nell'ambito comunale in quella arancione e rossa. Il testo approvato, invece, li vieta nelle zone rosse dove, di fatto, si tornerà a un lockdown come a marzo: da casa si potrà infatti uscire, a parte i motivi di lavoro, salute e necessità, solo per fare attività motoria o sportiva nei pressi della propria abitazione.

 

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali