FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Mattarella: "No alle fake news, la libertà non è diritto di far ammalare gli altri"

Sul tema della ripartenza il presidente della Repubblica ha parlato del ruolo "dellʼinformazione per contrastare la pandemia" e della "necessità di convivere con il virus senza abbassare la guardia"

Nessuno avrebbe potuto "affrontare e vincere da solo" la sfida del coronavirus, e per questo "abbiamo assistito a un inimmaginabile cambio di paradigma politico e istituzionale della Ue". A dirlo è il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che ha ribadito l'urgenza di evitare "fake news": "L'informazione ha un ruolo fondamentale nel contrasto alla pandemia", considerando che "la libertà di stampa attiene alla libertà delle persone". 

"No alla cattiva informazione" - Mattarella ha parlato soprattutto delle fake news e delle informazioni che circolano in merito al virus. Il ruolo del giornalismo è opposto alle fabbriche della cattiva informazione, di quelle che siamo abituati a chiamare fake news, notizie contraffatte, in questa occasione l'informazione di qualità è stata riconosciuta dai cittadini", ha detto. Poi ha aggiunto: "La libertà di stampa è questione che attiene alla libertà delle persone. Il mondo dell'informazione è stato interpellato dal virus e ha dato prova di esser stato al servizio dell'interesse generale e dei cittadini. Un ruolo di grande rilievo nel contrastare la pandemia".

 

La scuola prima di tutto - Mattarella ha affrontato diverse tematiche legate alla ripartenza post-Covid e alle difficoltà che, inevitabilmente, ancora si presentano. La prima questione riguarda la scuola. "E' in gioco il futuro, un futuro che richiede determinazione. I nostri ragazzi hanno patito un anno di disagio. Il sistema Italia non può permettersi di dissipare altre energie in questo campo. Lo sviluppo della nostra società subirebbe un danno incalcolabile. L'apertura regolare delle scuole è un obiettivo primario. L'Italia deve raccogliere la sfida e deve essere fatto ogni sforzo", ha detto. 

 

Convivenza col virus e libertà - Poi il presidente della Repubblica si è soffermato anche sul graduale ritorno alla normalità nella vita di tutti i giorni. Con un avvertimento. "La libertà è un valore fondamentale in una democrazia, ma non può essere confusa con il diritto di far ammalare gli altri". Parlando dell'epidemia, Mattarella ha poi ribadito che non si deve "abbassare la guardia" anche per "rispetto di chi è morto. Imparare a convivere con il virus non vuol dire comportarsi come se il virus non ci fosse più", ha sottolineato. 

 

Unione e non divisione - Proprio per ritornare alla normalità è necessario, ha aggiunto, collaborare e non dividersi. "Solo senza dividerci e con una comune ricerca di prospettiva" per il futuro possiamo lavorare alla "ripresa e a un ritorno alla normalità".  Il nostro Paese "ha trovato condivisione e solidarietà da altri Paesi". Ma ora "noi italiani siamo chiamati a utilizzare le risorse nell'ambito di un programma tempestivo, concreto ed efficace".

 

Di Maio: "Usiamo le mascherine" Un plauso alle parole di Mattarella arriva dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che parla di "un invito alla responsabilità da parte di tutti. Stiamo superando questa pandemia, ma ogni singolo sacrificio fatto dai nostri cittadini, proprio adesso, non va reso vano. Ci sono familiari e amici che ancora piangono
i propri cari". E per questo "essere liberi, come dice il presidente Mattarella, non significa far ammalare gli altri. Dunque non abbassiamo la guardia, usiamo le mascherine e rispettiamo tutte le norme anti covid. Il nostro Paese è forte, ma per ripartire ha bisogno dell'aiuto di tutti".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali