FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Conte: "Dobbiamo blindare le zone focolaio, se serve useremo esercito"

Due decreti urgenti per impedire lʼepidemia. Il primo assegna poteri ai ministri per bloccare la circolazione delle persone. Il secondo, che arriverà tra qualche giorno, per salvaguardare lʼeconomia

conte cdm coronavirus

Chi si aspettava una chiusura delle frontiere magari rimarrà deluso, ma il decreto approvato nel cdm di emergenza fiume e spiegato da Conte e dal ministro Speranza, contiene comunque delle misure restrittive. "Il tutto per salvaguardare la salute degli italiani che è la cosa che ci sta più a cuore", ha detto il premier durante la conferenza stampa. Tra gli interventi più restrittivi c'è sicuramente l'isolamento delle zone focolaio con le forze dell'ordine e l'esercito, se servirà, ha detto il premier.
 

"Abbiamo adottato un decreto per tutelare la salute degli italiani, che è quella che ci sta più a cuore e che nella gerarchia dei valori costituzionali è al primo posto" dice il premier Giuseppe Conte ripetendo più volte che gli italiani "devono avere fiducia" della politica e delle istituzioni scientifiche, che stanno facendo tutto il possibile. Le misure di cui parla il presidente del Consiglio riguardano al momento i dieci comuni del lodigiano individuati venerdì, dove vivono oltre 50mila persone, e l'area di Vò Euganeo, in provincia di Padova. Saranno, a tutti gli effetti zone rosse: non si entra e non si esce. Non solo: all'interno delle zone focolaio "l'accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l'acquisto di beni di prima necessità - dice il decreto - è condizionato all'utilizzo di dispositivi di protezione individuale". E a tutti coloro che hanno avuto "contatti stretti con casi confermati" dovrà essere applicata la "misura della quarantena con sorveglianza attiva".

 

Forze dell'ordine ed esercito per circoscrivere i focolai - Divieto di allontanamento e di ingresso nelle aree "focolaio" del virus, che saranno presidiate dalle forze di polizia e, in caso di necessità, anche dai militari, con sanzioni penali per chi viola le prescrizioni. Stop alle gite scolastiche in Italia e all'estero, sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche quarantena con "sorveglianza attiva" per tutti coloro che sono stati in contatto con casi confermati del virus. Questi i punti focali del decreto messo a punto dal governo. 

 

Multa ma anche arresto per chi non rispetta divieto -  "Il mancato rispetto delle misure di contenimento è punito ai sensi dell'articolo 650 del codice penale", che prevede una multa e l'arresto fino a 3 mesi. Misure pesantissime, dunque, che potranno essere estese anche ad altre aree nel caso fosse necessario. "Dobbiamo essere flessibili anche perché non e' detto che le misure prese oggi siano utili domani" ha ammesso il premier. 

 

Possibile chiusura di scuole e uffici pubblici - E ancora, chiusura di scuole, negozi e musei, stop a concorsi, attività lavorative private e degli uffici pubblici, fatti salvi i servizi essenziali, limitazione per la circolazione di merci e persone. Il Consiglio dei ministri, al termine di una riunione fiume nella sede della Protezione Civile, approva un decreto con misure durissime per tentare di arginare il diffondersi del coronavirus.
 

Non ci sarà la sospensione di Schengen - "Allo stato non vi sono le misure per chedere e ottenere la sospensione del trattato di Schengen e in particolare della libera circolazione delle persone. E' allo stato una misura draconiana e non commisurata alle esigenze di tutela della salute dei cittadini italiani". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte nel corso delle conferenza stampa al termine del cdm nella sede della Protezione civile. Il blocco dei valichi e della circolazione delle persone sarebbero "misure inadeguate e del tutto inefficaci", che avrebbero "un impatto devastante sulla nostra economia". "Cosa vogliamo fare dell'Italia un lazzaretto?", ha aggiunto Conte rispondendo indirettamente alle forze dell'opposizione che da giorni lo chiedono.

 

In arrivo un secondo decreto - "Nei prossimi giorni interverremo anche con un altro decreto legge con misure che siano in grado di sopperire all'impatto economico" del contagio. Ha detto ancora Conte: "Quando dico che il governo non lascera' sole le popolazioni dico questo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali