FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Con un emendamento il governo cancella (e rilancia) il Totocalcio

La schedina che ha fatto sognare milioni di italiani sarà radicalmente modificata. Ma avrà delle "agevolazioni" sulla pubblicità

Totogol, "Il 9" e il Totocalcio potrebbero sparire dalle ricevitorie: con un emendamento dei relatori alla manovra, non ancora votato in commissione Bilancio al Senato, arriva una riforma dei "concorsi pronostici sportivi". Per rilanciare questi giochi "che non comportano rischi connessi al disturbo da gioco d'azzardo" si prevede, un unico prodotto, con l'aumento delle probabilità di vincita e la possibilità di farne pubblicità in deroga al decreto dignità

La promozione di questo nuovo gioco verrebbe affidata a "Sport e Salute", la nuova Spa che dovrebbe prendete il posto di Coni Servizi. La schedina nata nel 1946 da un'idea del giornalista Massimo Della Pergola ha davvero fatto parte della storia del Paese grazie anche a vincite miliardarie (c'erano ancora le lire) come i cinque miliardi e mezzo vinti nel 1993 a Crema.

Quello fu il picco, anche delle giocate, ma già da anni era stata rimpiazzata nelle preferenze, e nei sogni milionari, degli italiani dalle bollette online e dei centri scommesse e che per questo era diventata quasi una sconosciuta per i giovanissimi. Presto sarà solo un ricordo, e buona fortuna con il "prodotto unico".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali