FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Avvenire contro Nichi Vendola: "Il triste mercato dellʼumano cresce"

"Un politico di sinistra ha contribuito a ʼcomprareʼ gli ovociti di una donna e il corpo di una madre per far ʼfareʼ un figlio biologico del proprio compagno e intestarsene a sua volta la paternità legale e politica"

Avvenire contro Nichi Vendola: "Il triste mercato dell'umano cresce"

Il quotidiano dei vescovi, "Avvenire", interviene sul caso del figlio di Nichi Vendola. "Il triste mercato dell'umano cresce, e ha ingressi di destra e di sinistra. Si smetta di chiamarli diritti" scrive il direttore Marco Tarquinio che punta il dito contro "il linguaggio politicamente corretto usato in particolar modo dai notiziari del servizio pubblico radiotelevisivo. Un fenomeno impressionante di camuffamento della dura realtà".

Una realtà, prosegue il direttore di "Avvenire", fatta di "cosificazione di una madre senza nome, senza volto e ridotta a pura esecutrice di un contratto padronale".

Rispondendo a un lettore che sottolineava la natura di "legge per ricchi e potenti" sulle unioni gay e sulla possibilità di adottare figli, il direttore del quotidiano cattolico replica: "Non tutte le persone omosessuali sono ricche e potenti, ma tutte le madri surrogate 'acquistate' da coppie eterosessuali od omosessuali sono povere e senza potere".

E tornando a Vendola, sottolinea come quel "contratto padronale" sia stato "siglato da un politico di sinistra che ha contribuito a 'comprare' gli ovociti di una donna e il corpo di una madre per far 'fare' un figlio biologico del proprio compagno e intestarsene a sua volta la paternità legale (all'estero) e politica (in Italia) in violazione di una legge anti-schiavista del proprio Paese".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali