FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Assenteismo nei ministeri, maglia nera allʼEconomia

I dipendenti "perdono" un giorno lavorativo ogni cinque

L'assenteismo colpisce anche i ministeri dove si raggiungono livelli record. I dati forniti dalla Ragioneria dello Stato dicono che i dipendenti perdono al "lordo" il 20,5% del totale dei giorni lavorativi. Si giunge a questa percentuale considerando tutti i tipi di assenza, dalla malattia alle ferie, dall'applicazione della legge 104 alle aspettative ai congedi.

I più virtuosi sono i dipendenti del Ministero per lo sviluppo economico con "solo" il 16,9%, mentre portano la bandiera dei più assenteisti proprio coloro che hanno diffuso questi dati, ovvero i lavoratori del Ministero dell'economia con il 32% di assenze picchi del 50% in uffici come quello dei Servizi ispettivi di finanza pubblica.

Nella media invece gli altri ministeri: Interno 20%, Esteri 22%, Giustizia 18,3%, Difesa 19,9%. Al Ministero dell'Istruzione il tasso, invece, è sceso dal 18% al 17,3%, mentre è leggermente sopra la media la Presidenza del Consiglio con il 21,2%.

Nella Biblioteca nazionale di Roma l'assenteismo arriva a superare il 50%. A pareggiare i conti, però, c'è la Reggia di Caserta grazie al buon esempio del nuovo direttore Mauro Felicori che fu addirittura rimproverato dai vigilantes che lo trovarono in ufficio in piena notte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali