FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Appendino: "La dicitura padre e madre sulla carta dʼidentità è un passo indietro sui diritti"

Via la scritta "genitore". Protestano le associazioni gay mentre per il sindaco di Napoli, De Magistris, si tratta di un gesto di "propaganda"

Appendino: "La dicitura padre e madre sulla carta d'identità è un passo indietro sui diritti"

"Come ho sempre detto penso che sia un passo indietro rispetto ai tanti in avanti che sono stati fatti in questi anni a Torino in tema di diritti". Lo ha scritto su Twitter il sindaco di Torino, Chiara Appendino, in merito all'abolizione sulle carte d'identità dei minori del termine "genitore", sostituito da "padre" e "madre". Il primo cittadino ha quindi aggiunto che sta "cercando di capire quali siano i margini a disposizione per intervenire".

Il provvedimento, che prevede il ritorno alla dicitura "madre" e "padre" per la carta di identità dei minorenni anziché "genitori", è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. Viene così modificato il testo della norma del 23 dicembre 2015. Mercoledì il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, aveva scritto su Facebook: "Sulla carta d'identità tornano mamma e papà, via 'genitore 1' e 'genitore 2'. Ripristinato un po' di buonsenso".

De Magistris: "Abbiamo concezione diversa della famiglia" - Immediata la reazione del sindaco Appendino, a cui ha fatto eco il primo cittadino di Napoli, Luigi De Magistris: "Abbiamo una concezione della famiglia molto diversa. Ci sono i genitori, il padre, la madre, famiglie molto diverse da quelle monolitiche di Verona. Non ci piace questa propaganda sui diritti che questo governo cerca di mettere in campo ogni giorno.

La protesta delle associazioni gay - Il segretario di Arcigay, Gabriela Piazzoni, ha invece parlato di "provvedimento anacronistico, colmo di tronfia ignoranza e destinato a mandare in tilt la pubblica amministrazione e i tribunali. Salvini ci spieghi come faranno i funzionari delle anagrafi a emettere le carte d'identità dei figli delle famiglie omogenitoriali. Cambieranno genere seduta stante a uno dei genitori? E ha idea della valanga di procedimenti legali che questo provvedimento provocherà?".

Fabrizio Marrazzo del Gay center ha chiesto al premier Giuseppe Conte il ritiro del provvedimento. "Da oggi molti genitori lesbiche e gay che hanno vinto cause, dove sono stati riconosciuti i loro figli, saranno impossibilitati nel fare i documenti. Restiamo basiti - ha aggiunto - su come il ministro Bongiorno, avvocato che si è speso per anni sul tema dei diritti, abbia potuto avvallare anche lei un tale ingiusto decreto che ha come solo obiettivo quello di discriminare i bambini, già riconosciuti dai tribunali come figli di coppie lesbiche e gay".

Nugnes (M5s): "Su carta d'identità attentano ai diritti" - Critiche al provvedimento sono arrivate anche da una esponente del M5s come Paola Nugnes: "Ma voi avete una persona cara, una che vi sta davvero a cuore che è gay? Avete idea del percorso che ha dovuto fare per accettarsi e farsi accettare, le difficoltà? A chi prende simili decisioni non basta dar loro degli 'sfigati'. Sono attentatori ai diritti altrui e vanno attaccati politicamente e culturalmente. Vanno fermati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali