FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Antonio Tajani: "Sono un antifascista, chi strumentalizza si vergogni"

La polemica accesa dallʼeurodeputato tedesco Udo Bullman dopo lʼintervista del presidente del Parlamento Ue a La Zanzara su Radio24 in cui parlava delle cose positive fatte da Benito Mussolini

Antonio Tajani: "Sono un antifascista, chi strumentalizza si vergogni"

"Si vergogni chi strumentalizza le mie parole sul fascismo. Sono da sempre antifascista. Non permetto a nessuno di insinuare il contrario. La dittatura, le sue leggi razziali, i morti che ha causato sono la pagina più buia della storia italiana ed europea". Antonio Tajani risponde così alle polemiche per una sua intervista a "La Zanzara" su Radio 24 dove ha affermato che Mussolini "ha fatto cose positive prima di entrare in guerra e seguire Hitler".

Il presidente del Parlamento Ue e vicepresidente di Forza Italia ha sottolineato che "è la seconda volta che Udo Bullmann insinua che sono fascista. Ora basta, esigo che si scusi. Se non lo farà - ha concluso - vuol dire che in maniera sleale ha volutamente distorto le mie parole".

L'attacco a Tajani di Udo Bullmann - Ad accendere le polemiche era stato infatti l'eurodeputato del partito socialdemocratico tedesco Udo Bullmann che su Twitter ha attaccato Tajani: "Le sue sono affermazioni incredibili". "Come può un presidente del Parlamento europeo non riconoscere la natura del fascismo? Abbiamo bisogno di chiarimenti rapidi. Due ore dopo la lode a Mussolini, Tajani incontra Salvini e Meloni, gli italiani di estrema destra", ha scritto Bullmann. "Dopo Orban è questo il profilo futuro del Ppe?".

Le critiche dall'Italia: dal M5s e dal Pd - In Italia anche il sottosegretario M5S agli Affari Regionali Stefano Buffagni ha criticato il presidente del Parlamento europeo di Forza Italia: "Tajani svela il suo volto, si vergogni per ciò che ha detto su Mussolini. Tra leggi razziali, omicidio Matteotti e gli anni bui della democrazia ricordo che la nostra Costituzione si basa su altri valori. Orgoglioso di essere diverso da loro!", ha scritto su Twitter.

Mentre per il presidente della Toscana Enrico Rossi "le parole di Tajani sono gravi. L'Europa è nata dopo le tragedie e gli orrori causati dal nazismo e dal fascismo. Chi ricopre la carica di presidente del Parlamento europeo questo deve averlo sempre bene a mente".

L'intervento telefonico a "La Zanzara" - Già nel corso del suo intervento radiofonico Tajani aveva precisato: "Io non sono fascista, non sono mai stato fascista e non condivido il suo pensiero politico. Però se bisogna essere onesti, Mussolini ha fatto strade, ponti, edifici, impianti sportivi, ha bonificato tante parti della nostra Italia, l'istituto per la ricostruzione industriale. Quando uno dà un giudizio storico deve essere obiettivo, poi non condivido le leggi razziali che sono folli, la dichiarazione di guerra è stata un suicidio".

Qualcosa dunque va salvato del fascismo, era stato quindi chiesto a Tajani: "Certamente sì, certamente non era un campione di democrazia. Alcune cose sono state fatte, bisogna sempre dire la verità. Non bisogna essere faziosi nel giudizio. Complessivamente non giudico positiva la sua azione di governo, pero' alcune cose sono state fatte. Le cose sbagliate sono gravissime, Matteotti, leggi razziali, guerra. Sono tutte cose inaccettabili".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali