FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

#Mattarelladimettiti: sullʼattacco hacker al Quirinale indaga pool antiterrorismo

Si muove la procura di Roma sui milioni di tweet contro il Presidente della Repubblica prodotti da account sospetti dopo il no del Colle a Savona come ministro dellʼEconomia

#Mattarelladimettiti: sull'attacco hacker al Quirinale indaga pool antiterrorismo

Un Russiagate all'italiana? E' quanto sospetta la procura di Roma al lavoro sugli attacchi via Twitter contro il Presidente della Repubblica con l'hashtag #Mattarelladimettiti, prodotti a milioni all'indomani del suo no a Savona come ministro dell'Economia. Si ipotizza che ha generare quella mole di traffico siano stati account dietro i quali si celerebbero hacker russi. Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, Copasir, intanto, si occuperà della questione lunedì, quando è prevista l'audizione del capo dei servizi Alessandro Pansa. Mentre la procura di Roma affida l'indagine al pool di magistrati che si occupa dell'antiterrorismo.

Il no di Mattarella a Savona e Twitter impazzìNella notte tra il 27 e il 28 maggio, dopo la bocciatura di Sergio Mattarella a Paolo Savona come ministro dell'Economia nel governo Lega-M5s, spuntarono d'improvviso circa 400 nuovi profili Twitter, riconducibili a un'unica origine. E da lì sembra partire l'attacco hacker al Colle con l'hashtag #Mattarelladimettiti.

L'ipotesi di ingerenze estere nella vita politica italiana non ha finora portato a riscontri effettivi di collegamento con l'Internet Research Agency, l'Ira, la cosiddetta fabbrica di troll russi di San Pietroburgo sospettata di essere stata la regia di disturbo della campagna elettorale presidenziale americana.

Investigatori e 007 italiani che indagano sulla vicenda di Mattarella, in stretta collaborazione con i colleghi statunitensi, sospettano che questi anonimi soggetti che sui social media lanciano messaggi virali siano gli stessi che parteciparono alla campagna del referendum costituzionale del 2016. Si tratterebbe di programmatori e debunker professionisti, finora inafferrabili.

Otto account italiani nel mirinoPer i ricercatori Usa Darren Linvill e Patrick Warren, che nella loro inchiesta per la Clemson University hanno diffuso i tweet del Russiagate, sarebbero 8 gli account italiani diretti da una regia russa e autori di migliaia di messaggi diffusi ovunque via Vpn.

Otto gli utenti sospetti, dunque, - @AnnaromanO, @1Lorenafava1, @Gattisilgatti, @Vittoreguidi, @Frannervia, @Rossirossivin, @Sergio_Maestri, @Giovanna_Moret -, già disattivati da Twitter, che avrebbero generato dall'Italia 12.610 cinguettii, per la maggior parte retweet, per intervenire, secondo l'accusa che arriva dagli Stati Uniti, nella politica del Belpaese. Un sistema di scatole digitali, si aggiunge, che portano in Russia.

Dopo la procura di Palermo indaga anche RomaDopo gli attacchi e gli insulti via social diretti al Presidente della Repubblica, nei giorni della formazione del governo Lega-M5s, la procura di Palermo ha iscritto nel registro degli indagati tre persone con l'accusa di attentato alla libertà del capo dello Stato. Anche la procura di Roma osa si muove e apre un'inchiesta. L'indagine sarà affidata al pool di magistrati che si occupa dell'antiterrorismo. A piazzale Clodio è attesa un'informativa della polizia postale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali