FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vanessa Incontrada in lacrime: “La perfezione non esiste”

Monologo emozionante sul rapporto con le sue forme e la capacità di sapersi voler bene

"La perfezione non esiste... Negli anni Duemila avere le forme è ritenuto sbagliato e per questo io dovrei vergognarmi?”. E' un monologo emozionante ed emozionato quello di Vanessa Incontrada in tv. La conduttrice parla tra le lacrime del rapporto con il suo fisico, le critiche, l'accettazione e la raggiunta serenità: “E' importante circondarci dalle persone che ci vogliono bene per quello che siamo”. Apre il suo cuore e fa una dolce dedica al marito Rossano Laurini.  

Leggi anche>Vanessa Incontrada in festa, guarda che sexy quarantenne

 

Un discorso personalissimo e toccante quello scelto dalla Incontrata per la puntata di “20 anni che siamo italiani”, i cui si confida col pubblico. “La perfezione non esiste, lo so che non dico una grande novità ma io lo voglio dire, lo voglio gridare, lo voglio urlare – ripete Vanessa - La perfezione non esiste bisognerebbe inserirla tra i primi insegnamenti che ci danno. Sai quanto tempo ho perso a cercarla, è come l’amore: pensavo di essere perfetta per trovare l’uomo della mia vita, per piacergli, che si innamorasse di me alla fine ho trovato un uomo molto speciale, lui, mio marito, Rossano, che mi ha detto una cosa che mi ha fatto molto ragionare: devi sorridere per i tuoi difetti. Ed è vero, si è preso il pacchetto intero, pregi e difetti. Io ho fatto la stessa cosa con lui”.

 

Pensando al passato dice: “Io volevo sempre diventare ciò che non sono, tutti mi volevano diversa, tutti ma tutti chi? Ho perso tempo a cercare di essere giusta, dimenticando di essere felice, perché pensavo di essere sbagliata agli occhi degli altri, se fossi nata negli Anni 30 o negli Anni 50, quando il modello femminile era morbido sarei stata perfetta, però vivo nel Duemila e avere le forme è ritenuto sbagliato e per questo io dovrei vergognarmi. Pensate se fossi nata in Colombia sarei potuta essere la musa di Botero! Anzi maestro, se mi sta guardando, sono qui a sua completa disposizione”.


E poi continua: “Adesso riesco a sorridere, ma non sempre è stato così perché, a volte, le critiche feriscono, partono da un cellulare e arrivano dritto allo stomaco. E quando vai in giro e pensi che dietro le facce che incontri per strada, al supermercato o davanti alla scuola potrebbero nascondersi tutti quelli che pensano che tu sia sbagliata… In realtà quel tutti non esiste, esistono le persone: ad alcuni puoi piacere ad altri no… Ma va bene così perché la perfezione non esiste, conta solo quello che pensi di te stessa quando ti guardi allo specchio. Io sono molto orgogliosa di quello che vedo, a volte mi piaccio altre volte no, è importante circondarsi di persone che ci vogliono bene per quello che siamo, perché tanto alla fine la perfezione non esiste”.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali