FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Seat Minimò, a Barcellona va in scena la micromobilità

Al Mobile World Congress il mezzo un poʼ moto e un poʼ auto

Seat e Barcellona sono cresciute insieme. La capitale catalana e lo stabilimento automobilistico dellʼunica Casa spagnola (a Martorell) vivono ormai in simbiosi e la loro espansione è fatta di legami forti. Come la presenza di Seat al Mobile World Congress, il più grande evento fieristico dedicato agli smartphone, dove presenta la sua idea di micromobilità urbana: Minimó.

Lʼidea geniale: Seat Minimò

Si tratta di un mezzo al 100% elettrico e con due posti. È coperto da un tetto come unʼautomobile ma ha una figura stretta, è largo cioè 1,2 metri, poco più di uno scooterone. Questa versatilità dʼimpiego è però niente con quella funzionale alle sue batterie elettriche, che piuttosto che essere ricaricate si sostituiscono. Pochi minuti di sosta dunque, si tolgono le batterie scariche e si mettono le nuove per consentire a Seat Minimó di proseguire la sua corsa. Il sistema noto come “battery swap” garantisce quindi un’autonomia di oltre 100 km, riducendo i costi operativi del veicolo fino al 50 percento.

I vantaggi per gli spostamenti in città sono evidenti: la sostituzione delle batterie accorcia i tempi, già ridotti per lʼagilità del veicolo nel traffico e la sua facilita di sosta e parcheggio. Anzi Minimó può essere parcheggiato negli spazi riservati ai motocicli. Seat parte da un presupposto certo: il 60% della mobilità contemporanea riguarda oggi veicoli che fanno tragitti inferiori ai 10 km! Il numero uno di Seat Luca de Meo è chiaro: “Vogliamo guidare la strategia di micromobilità del Gruppo Volkswagen, creando idee e prodotti pensati per brevi tragitti”.

Altro aspetto è la tecnologia e qui entra in ballo il Mobile World Congress di Barcellona: Minimó è anche un veicolo iperconnesso con tecnologia 5G, che offre un’esperienza digitale comoda e di facile fruizione per l’utente. L’Assistente Google vocale di Android Auto interagisce col guidatore senza minarne lʼattenzione, ma il massimo è la funzione che riconosce se il conducente ha almeno 16 o 18 anni, adattando così la velocità massima a 45 o 90 km/h a norma di legge, in automatico!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali