FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il record pazzesco di Honda e Metzeler

Un team di ardimentosi scalano 6.000 metri in meno di 24 ore

Un gruppo di centauri appassionati di imprese estreme, perlopiù italiani; la solidità delle moto Honda Africa Twin e CRF450RX; lʼaffidabilità dei nuovi pneumatici Metzeler MC 360. Tutti insieme sulle Ande, partendo dal livello del mare e salendo fino ai 5.977 metri di altitudine del vulcano Nevado Ojos del Salado, tra Argentina e Cile, in meno di 24 ore! Un record straordinario, quasi impensabile prima di ottenerlo.

Honda e Metzeler, avventura sulle Ande

Il team della spedizione era composto da Salvo Pennisi, Direttore del Reparto Sperimentazione di Metzeler, Carlo Fiorani, Direttore Comunicazione Racing di Honda, i giornalisti specializzati Francesco Catanese e Karsten Schwers, e il campione di enduro Fabio Mossini, oggi in forze al team Honda Sud America. Il primo record è di squadra e concerne il tempo: 22 ore e 30 minuti per scalare il vulcano andino partendo dal livello del mare. Il secondo è individuale: Fabio Mossini che è riuscito a portare la sua Honda Africa Twin a 5960 metri, l’altitudine massima mai raggiunta da una moto bicilindrica. Il terzo record è pure individuale e lʼha ottenuto Salvo Pennisi in sella alla CRF450RX: primato di altitudine mai raggiunta da una moto, quota di 5.977 metri in 22 ore e 40 minuti.

Avventura a pieni polmoni. Anche laddove i polmoni faticano eccome a catturare lʼossigeno. Perché non è facile inerpicarsi ad altitudini che incidono sulla fisiologia, passando dai 40 gradi di temperatura del deserto di Atacama, da cui si è partiti, ai 15 gradi sottozero dei 6.000 metri di quota raggiunti. Ma tutti hanno resistito benissimo allʼavventura: uomini senza bombole di ossigeno, moto e motori, pneumatici, i nuovi offroad Metzeler MC 360 che saranno commercializzati dal prossimo mese di aprile.

Quanto alla Africa Twin ‒ nome comune della Honda CRF1000L ‒ ai Motodays di Roma è stata svelata nellʼinedita versione Rally 2017. Disponibile sia con cambio manuale che a doppia frizione DCT, è una moto omologata per la circolazione su strada ed Euro 4, che si distingue dai modelli standard per le sovrastrutture rally replica, la forcella e lʼammortizzatore posteriore rally kit, i gruppi ottici a LED, la sella offroad, il paramotore in fibra di carbonio e le griglie di protezione radiatori. Per gli amanti delle lunghe escursioni, non mancano le pedane in acciaio e gli attacchi per le borse originali Honda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali