FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Zaky resta in carcere: "Mi hanno picchiato, ma non ho fatto nulla"

La testimonianza durante lʼudienza: "Mi tengono in un posto terribile: una cella con 35 detenuti e un solo bagno"

"Mi hanno tenuto bendato per 12 ore. Mi hanno picchiato in viso. Mi hanno fatto spogliare e mi hanno chiesto della mia ong e di alcuni post su Facebook, ma io non ho fatto nulla". Così si è difeso, durante l'udienza di sabato a Mansura, Patrick George Zaky, lo studente egiziano dell'Università di Bologna arrestato a Il Cairo per propaganda sovversiva. E quando i giornalisti italiani in aula gli chiedono "come stai?", risponde: "Tutto bene".

Ma così bene probabilmente non va: secondo l'inviata di Repubblica, prima di essere riportato in cella al termine dell'udienza il giovane è riuscito ancora a dire che "mi tengono in un posto terribile: una cella con 35 detenuti e un solo bagno. Un grande stanzone con una porta piccolissima". E a niente servono gli interventi degli avvocati, secondo cui lo studente "è stato fermato sulla base di prove false, di post pubblicati su un account Facebook che non appartiene a lui. Ed è stato picchiato, bendato, interrogato per ore senza un legale".

 

Al termine dell'udienza lampo, il giudice ha deciso che Zaky deve restare in cella. "Fisicamente sta bene, ma è spaventato", ha raccontato l'avvocato Houda Nasrallah. Comunque "sta molto meglio rispetto a giovedì", quando ha ricevuto la visita dei parenti, ha detto Gasser Abed El Razek, il direttore esecutivo dell'organizzazione non-governativa "Eipr" per cui lavora Patrick.

 

I legali hanno ripercorso davanti al giudice la dinamica dell'arresto confermando che è iniziato con un illegale e prolungato sequestro da parte delle forze di sicurezza. E poi hanno sottolineato la tortura, perpetrata anche con la bendatura degli occhi per 12 ore e l'umiliazione del denudamento.. E poi, al termine dell'udienza, hanno ammesso che "c'è delusione" dato che "avevamo sperato" in una scarcerazione proprio grazie alla presenza di giornalisti e "diplomatici, italiani inclusi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali