FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Weinstein, accordo da 19 milioni di dollari per le vittime delle molestie

Il fondo sarà distribuito tra le donne che hanno subito abusi sessuali da parte dellʼex produttore cinematografico e le ex dipendenti della Weinstein Company

Il procuratore generale di New York ha annunciato il raggiungimento di un accordo da 19 milioni di dollari per chiudere la denuncia presentata da un gruppo di donne vittime di molestie da parte dell'ex produttore cinematografico statunitense Harvey Weinstein. L'accordo consente alle vittime di avanzare richieste di risarcimento che possono variare da 7.500 a 750mila dollari.

Il fondo, per l'esattezza di 18.875.000 dollari, sarà distribuito non solo tra le donne che hanno subito abusi sessuali da parte di Weinstein, ma anche tra le ex dipendenti della Weinstein Company che "hanno vissuto in un ambiente di lavoro ostile, hanno subito molestie sessuali e sono state discriminate sul luogo di lavoro". Lo ha reso noto l'ufficio del Procuratore Generale di New York.

 

L'accordo dovrà essere approvato adesso sia dalla Corte distrettuale, sia dalla Corte fallimentare che presiede il caso di bancarotta della Weinstein Company.

 

Harvey Weinstein in tribunale a New York con un deambulatore

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali