FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Vaiolo delle scimmie, Oms: "80 casi confermati nel mondo"

Si indaga su una cinquantina di altri casi in 12 Paesi. A maggior rischio d'infezione membri della famiglia, partner sessuali e operatori sanitari entrati a contatto con le persone contagiate

Sono circa 80 i casi accertati di Monkeypox, il vaiolo delle scimmie, negli ultimi mesi e su altri 50 sono in corso investigazioni.

Lo segnala l'Oms sottolineando di essere al lavoro con i suoi partner per comprendere meglio l'entità e la causa dei contagi segnalati finora in 12 Paesi. Il virus è endemico in alcune popolazioni animali in diversi Paesi, portando a focolai occasionali tra la popolazione locale e i viaggiatori. Confermato il primo caso in Svizzera.


Focolai anche in Paesi non endemici -

I casi di vaiolo delle scimmie segnalati in questi ultimi mesi sono ritenuti atipici, perché scoperti in Paesi non endemici. E le segnalazioni potrebbero aumentare adesso che la sorveglianza è maggiore, avverte l'Organizzazione.

In Svizzera

stando a quanto reso noto dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), è stato confermato

il primo caso

del Paese. Si tratta di una persona che risiede nel Cantone di Berna che avrebbe contratto il virus all'estero, in corso il tracciamento dei suoi contatti.


 



 


 


 


Modalità di trasmissione -

"La malattia si diffonde in modo diverso da COVID-19" chiarisce l'Oms che "incoraggia le persone a rimanere informate da fonti affidabili, come le autorità sanitarie nazionali, sull'estensione dell'epidemia nella loro comunità, sui sintomi e sulla prevenzione". E spiega: "Poiché il vaiolo delle scimmie si diffonde

attraverso il contatto ravvicinato

, la risposta dovrebbe concentrarsi sulle persone colpite e sui loro contatti stretti. Le persone che interagiscono da vicino con qualcuno che è infetto sono a maggior rischio d'infezione: questo include

operatori sanitari, membri della famiglia e partner sessuali

".


 



 


La raccomandazione -

Sarebbe sbagliato e porterebbe a un quadro non chiaro sul propagarsi della malattia "stigmatizzare gruppi di persone", avvertono gli esperti dell'Oms.  Tale atteggiamento "inaccettabile" potrebbe essere "un ostacolo alla fine di un focolaio in quanto potrebbe impedire alle persone di cercare assistenza e portare a una diffusione non rilevata".


 



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali