FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, sempre più ragazzi nei centri di riabilitazione per la dipendenza dai social

Il 50% dei giovani ne soffre. Restano connessi per 6 o 7 ore al giorno. Ma lʼabuso provoca ansia e stress

Usa, sempre più ragazzi nei centri di riabilitazione per la dipendenza dai social

I social network possono diventare una dipendenza. Non è ancora un disturbo riconosciuto ufficialmente, ma in America stanno già prendendo provvedimenti. Sempre più ragazzini sono assuefatti a Facebook, Snapchat, Twitter e Instagram. E aumentano anche quelli che fanno ricorso ai centri di riabilitazione. L'abuso tocca circa il 50% dei giovani Usa, ma ci sono cliniche di rehab che assicurano l’80% di probabilità di successo.E in Italia, i numeri non sono diversi.

I numeri della dipendenzaQuasi la metà dei teenager americani ne è affetto. Si tratta di ragazzini che usano lo smartphone per 6 o 7 ore al giorno. Lo ha calcolato il Common-Sense Media, un'organizzazione che monitora l'uso dei social. Alcuni ragazzi, intervistati dalla televisione statunitense, hanno raccontato di provare stress, ansia, ma anche vergogna dati dal continuo uso del cellulare. "Avevo ansia intensa e non me ne rendevo conto", ha detto ad esempio David Mayer, un 17enne dell'Ohio. "Avevo creato identità immaginarie di me stesso sui social. Stavo collegato 7 ore al giorno. I miei genitori mi hanno spedito in clinica. Ora, dopo 30 giorni senza internet e iPhone, sono quasi pronto a cancellare i miei account".

I centri di riabilitazioneAppena iniziano il rehab, i ragazzi vengono lasciati senza smartphone, tablet e internet. Da quel momento inizieranno a seguire programmi specializzati. Il Centro Paradigm in California, sostiene ad esempio di avere un tasso di successo pari all'80% sui giovani pazienti. Una terapia che può pesare sulle finanze delle famiglie: la retta arriva a costare 50.000 dollari, ma alcune assicurazioni sanitarie ne rimborsano una parte.

In ItaliaNeanche nel nostro Paese i dati sono rincuoranti. Secondo un sondaggio condotto dall'Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche nel 2017, il 51% dei ragazzi tra i 15 e i 20 anni controlla lo smartphone circa 75 volte al giorno, con picchi che arrivano addirittura a 110 volte. Hanno dichiarato infatti di far fatica a prendersi una pausa da internet e dal cellulare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali