FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, scontro Trump-Rubio sullʼIslam: "I musulmani ci odiano, è un problema"

Eʼ andato in scena a Miami il confronto tra i candidati alla nomination repubblicana. Il tycoon ha attaccato su immigrazione, il candidato di origine cubano invita invece al dialogo

Usa, scontro Trump-Rubio sull'Islam: "I musulmani ci odiano, è un problema"

Scontro Trump-Rubio sull'Islam. Il tycoon ribadisce come "i musulmani ci odiano, molti di loro vogliono attaccarci, e questo è un problema". Pronta la risposta del giovane senatore di origini cubane: "Un presidente non può dire quello che vuole, perché quello che dice ha conseguenze in patria e nel mondo - dice -. Non si tratta di essere politicamente corretti, ma di essere corretti. Dobbiamo lavorare con la comunità e i Paesi musulmani".

Usa, scontro Trump-Rubio sullʼIslam: "I musulmani ci odiano, è un problema"

E' andato in scena a Miami il confronto tra i candidati alla nomination repubblicana. Il tycoon ha attaccato su immigrazione, il candidato di origine cubano invita invece al dialogo

leggi tutto

Immigrazione, Islam, Cuba e lotta all'Isis: i candidati repubblicani alla Casa Bianca hanno messo in mostra tutte le loro differenze dal palco dell'università di Miami, a quattro giorni dalle primarie della Florida. Il tutto in confronto dai toni insolitamente pacati e civili, in controtendenza rispetto a quanto visto fino ad ora. Persino Trump è apparso insolitamente tranquillo, tanto che sui social media qualche commentatore politico si è chiesto ironicamente cosa avessero messo nell'acqua dell'ateneo di Miami.

Sarà stato per la soddisfazione di avere incassato un altro endorsement molto pesante e per nulla scontato: quello dell'ex chirurgo Ben Carson, ritiratosi dalla corsa giorni fa e che con la sua mossa ha colto di sorpresa molti osservatori e spiazzato molti dei suoi sostenitori.
A maggior ragione alla luce di questo, le primarie in Florida e in altri quattro stati martedì prossimo saranno per Marco Rubio, Ted Cruz e John Kasich quasi un'ultima spiaggia.

A giocarsi tutto sono soprattutto Rubio e Kasich, che se dovessero perdere nei loro stati - Florida e Ohio - sarebbero praticamente fuori. E anche per questo proprio Rubio è stato quello che ha attaccato maggiormente Trump. Sull'immigrazione, quando il tycoon per una volta non ha parlato del muro, ma rilanciato la proposta di sospendere la carta verde per i lavoratori stranieri: "Io la uso, ma non dovrebbe essere permesso. E' un grande male per i lavoratori americani". Poi ancora l'Islam, quando si consuma l'unico vero battibecco della serata: "I musulmani ci odiano, molti di loro vogliono attaccarci, e questo è un problema", ha ribadito Trump. Pronta la risposta di Rubio, che ha accusato l'avversario di creare "un ambiente ostile": "Un presidente non può dire quello che vuole, perché quello che dice ha conseguenze in patria e nel mondo". "Io non sono interessato al politicamente corretto - la replica del tycoon - perché dobbiamo risolvere il problema prima che sia troppo tardi. E io voglio risolvere il problema". Come vuole risolvere il problema dell'Isis, contro cui il tycoon sarebbe pronto a inviare 20-30 mila soldati.

Intanto da un sondaggio del "Wall Street Journal" emerge come la contrastata campagna elettorale per la Casa Bianca generi incertezza sul futuro dell'economia americana. E per l'80% degli economisti intervistati, se dovessero vincere Donald Trump o Bernie Sanders aumenterebbero i rischi di un peggioramento della situazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali