FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Usa, donna incinta costretta a lasciare il Texas per poter abortire

La donna sta combattendo da settimane una battaglia legale per poter interrompere la gravidanza per via di una grave malformazione del feto

Usa, donna incinta costretta a lasciare il Texas per poter abortire - foto 1
Afp

Kate Cox, 31enne del Texas alla ventesima settimana di gravidanza e in pericolo di vita alla quale la Corte suprema aveva negato il diritto di abortire, ha lasciato lo Stato.

Madre di due bambini, la donna sta combattendo da settimane una battaglia legale per poter interrompere la gravidanza per via di una grave malformazione del feto.

 

Usa, donna incinta costretta a lasciare il Texas per poter abortire - foto 2
Tgcom24

La battaglia legale

Giovedì, un giudice le aveva concesso il permesso per sottoporsi a un aborto d'emergenza, nonostante il divieto in vigore in Texas, dopo la sentenza della Corte Suprema dello scorso anno. Nel giro di poche ore, però, il procuratore generale del Texas, Ken Paxton, aveva chiesto alla Corte Suprema dello Stato di bloccare l'ordinanza del giudice. La Corte ha accolto la richiesta venerdì sera, senza però emettere ancora un giudizio definitivo.

 

La diagnosi

 Nancy Northup, presidente e amministratore delegato del Center for Reproductive Rights, organizzazione pro-choiche che ha rappresentato Cox, ha riferito che la donna non poteva attendere oltre essendo già stata quattro volte ricoverata d'urgenza dall'inizio della sua gravidanza. Cox, residente nell'area di Dallas, aveva ricevuto per il feto una diagnosi di Sindrome di Edwards, un'anomalia dei cromosomi che porta ad aborti spontanei, decesso del feto o del bambino nel giro di pochi giorni dalla nascita.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali