FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ungheria, ancora proteste contro Orban: no alla legge "schiavitù"

Il provvedimento autorizza i datori di lavoro a chiedere fino a 400 ore di straordinario lʼanno pagato però in tre anni. Picchiati due deputati dellʼopposizione

Non si fermano le proteste, in Ungheria, contro il premier Viktor Orban. Le mobilitazioni sono state innescate dalla cosiddetta "legge schiavitù", il provvedimento che autorizza i datori di lavoro a chiedere fino a 400 ore di straordinario l'anno pagato però in tre anni. La norma è stata voluta per far fronte alla mancanza di manodopera nelle imprese. Picchiati due deputati dell'opposizione.

Le manifestazioni contro la legge sugli straordinari hanno assunto col passare dei giorni un significato più ampio, portando in piazza un diffuso malcontento contro il regime instaurato dal premier Orban.

I parlamentari, Akos Hadhazy e Bernadett Szell, erano entrati nello studio della tv di Stato Mtva per leggere una petizione, con alcune delle principali rivendicazioni dei manifestanti. I due esponenti dell'opposizione hanno denunciato di essere stati picchiati e buttati fuori dall'edificio.

Fra le rivendicazioni, portate dai dissidenti alla tv di Stato, c'era la revoca della legge che autorizza i datori di lavoro a chiedere fino a 400 ore di straordinario l'anno (ribattezzata "legge schiavistica"), la fine del controllo totale del governo sull'informazione, l'assicurazione della libertà accademica, e una sanità pubblica uguale per tutti, nonché la fine della corruzione generalizzata e l'adesione dell'Ungheria alla procura europea.

Migliaia a Budapest contro Orban, 2 deputati picchiati

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali