FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ue, Jean-Claude Juncker: "Alcuni ministri italiani sono bugiardi"

Il presidente della Commissione europea attacca il governo in riferimento alle somme destinate allʼItalia dallʼUnione europea

Ue, Jean-Claude Juncker: "Alcuni ministri italiani sono bugiardi"

"Alcuni ministri italiani sono dei bugiardi, quando non rivelano le somme destinate all'Italia dall'Unione europea". Lo ha affermato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, parlando in un'intervista a EuranetPlus. Juncker, al termine di un bilaterale con il premier Giuseppe Conte, aveva detto che "tra Italia e Commissione Ue è grande amore, con tutti i ministri italiani".

Ancora una volta quindi una affermazione del presidente della Commissione Ue è destinata a far discutere e a creare tensione con il governo italiano. "Sono stato in Italia negli ultimi due giorni - ha proseguito Juncker - e ho constatato sul posto che sono molti gli italiani che pensano che l'Europa non faccia abbastanza per aiutare l'Italia, cosa che mi dispiace".

Il presidente della commissione europea ha quindi fornito una serie di dati: "Bisogna sapere - ha detto a radio Euranet plus - che da quando ci sono io abbiamo dato 130 miliardi all'Italia: con il piano Juncker 63,3 miliardi, fondi strutturali per rinvigorire l'economia italiana per più di 44 miliardi. In tutto il sostegno europeo all'Italia è di 130 miliardi. Esiste un solo italiano che lo sappia? No, perché un certo numero di ministri italiani dice esattamente il contrario, sono dei bugiardi, dei bugiardi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali