trentesimo giorno di guerra

Ucraina, Kiev: "Delusi dal vertice Nato, non cederemo territori alla Russia" | L'obiettivo di Mosca è il Donbass: "Negoziati fermi"

Di Maio: "Zelensky ha fatto aperture molto importanti". Il Consiglio Ue: "Siamo al fianco dell'Ucraina, pronti a nuove sanzioni"

25 Mar 2022 - 19:19
LIVE
Ultimo aggiornamento: 2 anni fa

Il conflitto russo-ucraino arriva al suo trentesimo giorno. Secondo quanto riportano alcuni media internazionali, i soldati di Mosca sarebbero stati avvisati dai loro superiori che la guerra dovrebbe finire entro il 9 maggio. Zelensky si dice "deluso dal vertice Nato" e ribadisce che "l'Ucraina non cederà i suoi territori alla Russia". Il Cremlino, che ha come obiettivo il Donbass, chiarisce: "Nessun progresso negoziati su nodi politici". Wsj: "Biden apre all'uso di armi nucleari in circostanze estreme". Per l'Onu il bilancio delle vittime civili ha superato quota mille.


Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha detto che la Russia ha finora perso oltre 16mila militari in Ucraina. In un video postato sui social, il presidente ha detto che "tra i caduti ci sono il comandante di una delle armate di occupazione e il secondo in comando della flotta del mar Nero". La Russia aveva detto oggi che 1.351 dei suoi soldati erano rimasti uccisi nell'offensiva.


Più della metà dei bambini ucraini sono ora sfollati, dopo un mese di guerra: lo afferma l'Unicef. Il portavoce James Elder ha dato anche altri dati preoccupanti parlando alla Cnn: "Circa 1,4 milioni di persone non hanno accesso ad acqua pulita, mentre 4,6 milioni di persone hanno solo un accesso limitato o stanno per perderlo. Più di 450mila bambini dai 6 ai 23 mesi hanno bisogno di assistenza alimentare".


Mosca sta cercando di portare rinforzi in Ucraina attingendo alle sue truppe in Georgia: lo ha riferito un alto ufficiale del Pentagono durante un briefing, precisando però di non essere in grado di quantificare i movimenti.


Il Consiglio europeo ha convenuto di istituire un fondo fiduciario di solidarietà per l'Ucraina invitando i propri partner internazionale a partecipare e chiede che i preparativi partano senza rinvii. Alla Commissione Ue si chiederà di fornire assistenza tecnica per aiutare l'Ucraina a implementare le necessarie riforme. E' quanto si legge nelle conclusioni del Consiglio Ue.


Potrebbe esserci anche l'Italia tra i Paesi garanti della sicurezza dell'Ucraina. Lo ha detto in un'intervista con i media georgiani Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente Volodymyr Zelensky. "I membri permanenti (del Consiglio di sicurezza) delle Nazioni Unite devono essere i garanti della nostra sicurezza. Vorremmo aggiungere anche la Turchia, la Germania, il Canada, Israele". E ci sono "anche informazioni di un interesse dell'Italia a unirsi a questo processo", ha scritto Yermak su Telegram, secondo quanto riporta l'Ukrainska Pravda.


Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha annunciato una "operazione umanitaria" di evacuazione a Mariupol con la Turchia e la Grecia.





Le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico contro il centro di comando dell'aeronautica militare di Kiev a Vinnytsia, nell'Ucraina centro-occidentale. Sono stati sparati sei missili da crociera, alcuni dei quali abbattuti dalla contraerea, mentre gli altri hanno colpito diversi edifici, provocando danni alle infrastrutture, attualmente in corso di valutazione. Lo riferiscono le forze armate di Kiev, citate da Ukrinform.


La contraerea ucraina ha abbattuto tre missili cruise lanciati dalle navi russe nel Mar Nero e diretti nell'aerea di Odessa. E' quanto fa sapere il Comando operativo dell'esercito a Odessa spiegando che la situazione, nella zona, "è sotto controllo". "Il nemico - aggiungono i militari - continua ad esercitare pressione sulla popolazione civile di Odessa attaccando la fascia costiera". L'esercito ucraino non spiega quando sia avvenuto l'abbattimento dei tre missili. Poco dopo pranzo, tuttavia, l'azione della contraerea ucraina si è sentita distintamente nei quartieri cittadini più vicini al mare.


"In quest'ora l'umanità, sfinita e stravolta, sta sotto la croce con te. Il popolo ucraino e il popolo russo, che ti venerano con amore, ricorrono a te, mentre il tuo Cuore palpita per loro e per tutti i popoli falcidiati dalla guerra, dalla fame, dall'ingiustizia e dalla miseria". E' l'atto di consacrazione della Russia e dell'Ucraina al Cuore di Maria pronunciato dal Papa: "Noi dunque, Madre di Dio e nostra, solennemente affidiamo e consacriamo al tuo Cuore immacolato noi stessi, la Chiesa e l'umanità intera, in modo speciale la Russia e l'Ucraina, fa' che cessi la guerra, provvedi al mondo la pace". 


"L'Ucraina non cederà nessuno dei suoi territori e nessuna sovranità alla Russia". Lo ha affermato il capo dell'ufficio del presidente Volodymyr Zelensky, Andriy Yermak.


Raggiungere un'intesa che inserisca, all'interno delle conclusioni del Consiglio Ue, il tetto al prezzo del gas tra gli strumenti per intervenire contro il caro energia. E' il pressing che avrebbe portato avanti il premier Mario Draghi con gli altri leader Ue nel vertice di Bruxelles. Si tratterebbe di un primo segnale politico cui fare seguire entro maggio una proposta "dettagliata" da parte della Commissione.


"In questi giorni notizie e immagini di morte continuano a entrare nelle nostre case, mentre le bombe distruggono le case di tanti nostri fratelli e sorelle ucraini inermi. L'efferata guerra, che si è abbattuta su tanti e fa soffrire tutti, provoca in ciascuno paura e sgomento". Lo ha detto il Papa nell'omelia della celebrazione penitenziale. "Avvertiamo dentro un senso d'impotenza e d'inadeguatezza". "Occorre la presenza di Dio, la certezza del perdono divino, il solo che cancella il male, disinnesca il rancore, restituisce la pace al cuore. Ritorniamo a Dio, ritorniamo al suo perdono".


Kiev è "molto delusa" dal vertice della Nato che si è svolto a inizio settimana, perché si aspettava che l'Alleanza atlantica dimostrasse più coraggio ed attuasse misure aggiuntive per contrastare la Russia. Lo ha detto il capo dell'ufficio di Volodymyr Zelensky, Andriy Yermak. "Ci aspettavamo alcune decisioni audaci, invece si sono comportati come se non ci fosse una guerra", ha sottolineato il collaboratore del presidente ucraino.


I negoziati in corso con Mosca sono "molto difficili", ma Kiev "non rinuncerà alle proprie richieste". Lo afferma il governo ucraino.


Joe Biden lascia aperta la porta alla possibilità di usare le armi atomiche in "circostanze estreme". Il cambio di rotta, riporta il Wall Street Journal, è avvenuto sotto la pressione delle ultime settimane degli alleati che ha spinto il presidente americano a ripensare la sua posizione.


"De facto non stiamo facendo progressi sulle principali questioni politiche". Lo ha detto il capo negoziatore russo Vladimir Medinsky, secondo quanto riporta l'agenzia Interfax, a proposito dei colloqui tra Russia e Ucraina. Le posizioni stanno invece diventando "più vicine" su questioni secondarie, ha aggiunto. 


Il ministero della Difesa russo ha detto che sono quasi 6.600 i combattenti arrivati da 62 Paesi stranieri in Ucraina, su invito delle autorità di Kiev, per combattere contro l'invasione russa. Si tratta, afferma il ministero, citato dalla Tass, di "mercentari e terroristi".


"A oggi i militari che purtroppo sono morti durante l'operazione militare speciale sono 1.351 mentre i feriti sono 3.825". Lo ha detto il colonnello generale Sergei Rudskoy, vicecapo di Stato maggiore delle forze armate russe. Lo riporta la Tass.


L'aviazione militare ucraina e la difesa ucraina sono quasi completamente distrutte e la marina ucraina non esiste più. Lo afferma il Ministero della difesa russa, secondo quanto riporta l'agenzia Tass.


Il primo obiettivo per le forze russe in Ucraina è il "controllo dell'intera regione del Donbass", nell'est del Paese. Lo ha detto il ministero della Difesa di Mosca citato dalla Tass.


Secondo alcuni media internazionali, i soldati di Mosca sarebbero stati avvisati dai loro superiori che la guerra dovrebbe finire entro il 9 maggio, data in cui la Russia celebra con una parata a Mosca la "giornata della vittoria" in memoria della capitolazione della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.


Il presidente russo Vladimir Putin ha paragonato il boicottaggio di eventi culturali russi ed esponenti della cultura russa nei Paesi occidentali ai roghi di libri di cui si resero responsabili i nazisti." L'ultima volta - ha affermato il capo del Cremlino durante un incontro con esponenti del mondo culturale - sono stati i nazisti in Germania, circa 90 anni fa, a condurre una tale campagna di distruzione della cultura indesiderabile. Ci ricordiamo bene delle immagini dei libri bruciati nelle piazze".


Gli Stati Uniti non hanno intenzione di usare le armi chimiche qualunque siano le circostanze. Lo afferma un funzionario della Casa Bianca.


"A Maria, Madre del Redentore, affidiamo il grido di pace delle popolazioni oppresse dalla guerra e dalla violenza, perché il coraggio del dialogo e della riconciliazione prevalga sulle tentazioni di vendetta, di prepotenza, di corruzione". Lo dice il Papa in un tweet nel giorno in cui la Chiesa celebra l'Annunciazione e a poche ore dalla celebrazione nella quale consacrerà la Russia e l'Ucraina al Cuore immacolato di Maria.


"India e Cina vogliono un cessate il fuoco immediato in Ucraina". Lo afferma il ministro indiano degli Esteri, Subrahmanyam JaishankarIndia, che dopo colloqui con il suo omologo cinese Wang Yi, fa sapere che i due concordano sull'importanza di un cessate il fuoco immediato in Ucraina.


Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fatto "aperture molto importanti" sulla Nato e su questioni territoriali che riguardano la Crimea e il Donbass "ma Putin non dà segnali". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, insistendo comunque sulla necessità di "iniziative diplomatiche" per mettere fine alla guerra in Ucraina.


"Abbiamo timori, lo dicono in particolare i militari e gli esperti, che Odessa possa essere accerchiata con un sostegno dalla Transnistria. In primo luogo la flotta nemica può avvicinarsi dal mare. In secondo luogo, possono sfondare la difesa di Voznesensk e Mykolaiv. Ma sono sicuro che non sfondano, perché le nostre forze armate stanno combattendo duramente lì". Lo ha detto ai media ucraini il sindaco di Odessa Gennady Trukhanov. "La situazione ora è calma, ma tesa", ha aggiunto.


La comunità internazionale "dovrebbe davvero incoraggiare la pace e promuovere i colloqui, creare le condizioni per una soluzione politica della questione e spingere per un rapido ritorno alla pace in Ucraina". E' la "posizione di principio della Cina" sulla guerra tra Ucraina e Russia esposta dal presidente Xi Jinping in un colloquio telefonico avuto con il premier britannico Boris Johnson. "La Cina è disposta a continuare a svolgere un ruolo costruttivo in tal senso", ha aggiunto Xi, nel resoconto dei media ufficiali.



Il bilancio delle vittime civili in Ucraina ha superato quota 1.035: lo ha reso noto la responsabile della Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina, Matilda Bogner. Lo riporta il Guardian. Bogner ha inoltre confermato la presenza di fosse comuni a Mariupol, inclusa una che conterrebbe 200 corpi. "Abbiamo informazioni crescenti sulle fosse comuni che ci sono", ha detto Bogner ai giornalisti in un video collegamento dall'Ucraina, spiegando che alcune delle prove provengono da immagini satellitari.



L'esercito russo ha bombardato un Policlinico a Kharkiv, nel distretto di Osnovyansky. Lo riferisce Ukrinform, che cita la polizia della regione di Kharkiv. Nell'attacco sono morte 4 persone. "A seguito del bombardamento mattutino delle infrastrutture civili con lanciarazzi, 7 civili sono rimasti feriti, 4 dei quali sono morti ", si legge nella nota. 


La Cina si oppone "con forza ad accuse e sospetti infondati, nonché a qualsiasi tentativo di esercitare coercizione e pressione", ricordando che, "in quanto residuo della Guerra Fredda e la più grande alleanza militare del mondo, la Nato segue un concetto di sicurezza obsoleto". E' il commento di un portavoce della rappresentanza permanente cinese presso l'Ue sul vertice straordinario del Patto Atlantico, in cui i leader hanno invitato tutti gli Stati, inclusa la Cina, a sostenere l'ordine internazionale, compresi i principi di sovranità e di integrità territoriale, in merito all'invasione della Russia a danno dell'Ucraina.


"Prima finisce meglio è: sono in corso trattative con l'Ucraina e speriamo in esiti positivi". Lo dice l'Ambasciatore della Federazione Russa in Italia, S.E. Sergey Razov, arrivato a piazzale Clodio per depositare un esposto per istigazione a delinquere e apologia di reato per alcuni articoli pubblicati dal quotidiano la Stampa.


La Russia afferma che il figlio del presidente Usa Joe Biden, Hunter, potrebbe essere coinvolto nella gestione di laboratori per lo sviluppo di armi biologiche in Ucraina. Rispondendo alla domanda di un giornalista nel suo briefing quotidiano, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto: "Naturalmente chiederemo delle spiegazioni sul possibile coinvolgimento. E non solo noi. Come sapete la Cina ha già chiesto chiarimenti". Hunter Biden è nella lista delle personalita' americane prese di mira dalle controsanzioni russe.


"La Russia non ha mai violato le convenzioni internazionali, consigliamo comunque di contattare il ministero della Difesa per i dettagli". Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, respingendo l'accusa del presidente ucraino Volodymyr Zelensky alla Russia di aver usato bombe al fosforo. 


L'operatore ferroviario nazionale della Finlandia VR sospenderà da lunedì il servizio tra Helsinki e San Pietroburgo, chiudendo uno degli ultimi collegamenti di trasporto tra Russia Ue. L'operatore finlandese spiega che "durante queste settimane le persone che volevano partire dalla Russia hanno avuto a disposizione un tempo adeguato per farlo. Ora a causa delle sanzioni interromperemo per il momento il servizio". Il confine tra Finlandia e Russia resta comunque aperto per il passaggio delle auto private.


"Usa e Ue investiranno in soluzioni per creare idrogeno pulito e rinnovabile, queste misure aumenteranno la sicurezza economica energetica e nazionale. Creeremo a questo proposito una task force composta da membri della Casa Bianca e della Commissione europea". Lo ha detto il presidente Usa Joe Biden a Bruxelles


Contro la Russia è stata aperta "una guerra ibrida totale". Lo ha affermato il ministro degli Esteri Seghei Lavrov citato dall'agenzia Tass.


"Tutto quello che Usa e Ue vogliono fare avere è misure concrete per ridurre la dipendenza dal gas", anche con le "energie rinnovabili" e quindi "fare investimenti nelle nuove energie". Lo ha detto il presidente Usa Joe Biden in conferenza stampa a Bruxelles, sottolineando che "questi passi aumenteranno la sicurezza energetica". "Potremo avere delle forze congiunte per poterlo fare", ha aggiunto.


"La cosa che ci preoccupa è che gli armamenti italiani saranno usati per uccidere cittadini russi. E voglio ricordare che la decisione è stata presa quando è iniziata la prima tappa delle trattative: i fucili vengono distribuiti non solo tra i militari, ma anche tra i cittadini e non si capisce come e quando saranno usati". Lo afferma l'Ambasciatore della Federazione Russa in Italia, Sergey Razov.


La richiesta avanzata da alcuni Paesi e dallo stesso presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, di estendere le sanzioni contro la Russia all'energia "è inaccettabile, contraria agli interessi del popolo ungherese". Lo afferma il premier magiaro, Viktor Orban, in un video su twitter, a margine del Consiglio europeo.


Il ministero russo della Difesa ha comunicato di aver lanciato missili Kalibr che hanno colpito e distrutto il maggior deposito di carburante rimasto a disposizione dei militari ucraini vicino a Kiev.


Le forze russe usano lo stupro come uno "strumento di guerra": lo ha affermato il procuratore ucraino, Iryna Venediktova, accusando i soldati di Mosca di avere violentato una donna in un'abitazione vicino a Kiev. Lo riporta l'Independent. I soldati, ha detto Venediktova, hanno fatto irruzione nella casa a Brovary, alla periferia orientale della capitale, dove hanno ucciso il marito della donna e poi hanno aggredito sessualmente sua moglie davanti agli occhi del figlio.


Sale a 135 il numero dei bambini morti in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa. Lo afferma l'ufficio della Procura ucraina in un aggiornamento condiviso dal Parlamento di Kiev sul suo profilo Twitter: "Ad oggi 25 marzo, 135 bambini sono morti in Ucraina a causa dell'aggressione dell'esercito russo. 184 bambini sono rimasti feriti". Ieri il bilancio dei bambini morti era 128.


Sono 219.000 gli ucraini evacuati dall'inizio dei corridoi umanitari. Lo dice il vice capo dell'ufficio del presidente Kyrylo Tymoshenko a quanto riportato dall'ageniza di stampa ucraina Unian.


In un messaggio pubblicato su Facebook, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato gli Stati membri dell'Ue per il loro sostegno eccetto l'Ungheria, invitando il primo ministro Viktor Orban a "prendere una decisione" sui suoi rapporti con la Russia. "Esiti a decidere se imporre sanzioni o no? Esiti a decidere se far passare le armi o no? Esiti a decidere se commerciare con la Russia o no? Non c'è tempo per esitare. È tempo di decidere", ha scritto.


L'Unione Europea "è al fianco dell'Ucraina e del suo popolo" e "riconosce le aspirazioni d'ingresso nell'Ue". È il testo delle conclusioni del Consiglio europeo, che "rinnova la richiesta alla Commissione di consegnare le sue valutazioni" in merito. Il Consiglio sottolinea anche che l'Ue "continuerà ad assicurare aiuti finanziari, politici, materiali ed umanitari  all'Ucraina". E se finora ha già "approvato sanzioni massicce contro Russia e Bielorussia, che stanno avendo effetti pesanti", è anche pronta "a chiudere scappatoie, contrastare possibili manovre evasive e imporre nuove misure coordinate per minimizzare la capacità di continuare l'aggressione".


"Ci stiamo avvicinando alla pace, ci stiamo avvicinando alla vittoria. Questa guerra non può essere senza vittoria. Così sarà. Non possiamo fermarci nemmeno per un minuto perché ogni minuto riguarda il nostro destino, il nostro futuro e la nostra sopravvivenza". Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video messaggio alla nazione.


Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha annunciato chela Gran Bretagna fornirà all'Ucraina altri 6mila missili, riporta la Bbc. In occasione degli incontri dei leader della Nato e del G7 a Bruxelles, Johnson, aggiunge la rete britannica, ha svelato anche un finanziamento di 25 milioni di sterline (quasi 30 milioni di euro) per aiutare a pagare i soldati e i piloti ucraini.


"Secondo i dati forniti dalla Russia, ad oggi sono già state deportate dall'Ucraina 402.000 persone, di cui 84.000 bambini. Ieri erano 366.000. E non sappiamo cosa sia successo loro" A denunciarlo è la commissaria del Parlamento ucraino per i diritti umani, Lyudmila Denisova, citata dall'agenzia Unian, definendolo "un crimine di guerra". "Abbiamo saputo che vengono trattenuti in campi in cui vengono filtrati nella regione di Donetsk, poi portati in Russia. A chi accetta di lavorare è vietato lasciare il proprio luogo di residenza per 2 anni", ha aggiunto Denisova.


Il leader ceceno Ramzan Kadyrov ha assicurato che le sue forze hanno conquistato il municipio di Mariupol. Lo riferisce l'agenzia di stampa France Presse. "I ragazzi fanno rapporto per radio che hanno liberato l'edificio dell'amministrazione di Mariupol e hanno issato la nostra bandiera", ha dichiarato su Telegram Kadyrov, assicurando che le forze ucraine hanno "abbandonato le loro posizioni". 


Europa e Stati Uniti forniranno in tutto oltre 1,5 miliardi di euro in assistenza umanitaria all'Ucraina. Lo indicano la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il presidente degli Usa, Joe Biden, in una dichiarazione congiunta a margine del vertice Ue: "Continueremo a mobilitare e coordinare aiuti umanitari significativi per sostenere le persone in Ucraina, chi è stato costretto a fuggire e chi è stato colpito dal grave impatto che la guerra russa sta causando in tutto il mondo".


Il G7 si dice unito nel riportare la pace e la stabilità e si impegna a lavorare "insieme a sostegno della raccolta di prove per i crimini di guerra" in Ucraina. Lo afferma il G7 nel comunicato diffuso al termine della riunione.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri