FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, il sindaco di Zaporizhzhia: "I russi hanno rapito mio figlio di 16 anni"

Oleh Buriak rompe il silenzio dopo 10 giorni dalla scomparsa del suo Vad, trattenuto a un posto di blocco mentre tentava di fuggire dalla città di Melitopol. "Aiutatemi" il suo appello alla comunità internazionale 

Twitter

"Mio figlio di 16 anni è stato rapito dai russi".

La denuncia shock del sindaco di Zaporizhzhia arriva dopo 10 giorni dall'avvenimento. Le ultime notizie del ragazzo risalgono all'8 aprile scorso, quando sarebbe stato trattenuto a un posto di blocco mentre stava fuggendo da Melitopol con altre persone. I militari di Mosca, alla scoperta che si trattava del figlio di un amministratore locale lo avrebbero portato via. "Aiutatemi", l'appello disperato del padre alla comunità internazionale.

Nessuna notizia sul ragazzo -

"Faccio appello alla comunità europea, all'umanità intera: aiutatemi. Fate sapere al mondo intero che mio figlio è stato rapito". Così il sindaco di Zaporizhzhia decide di rompere il silenzio dopo giorni di vani tentativi di ritrovare il suo ragazzo, Vad.


 



 


L'accaduto -

L'uomo ricostruisce la dinamica dei fatti grazie all'aiuto di testimoni oculari e racconta: "Mio figlio di 16 anni era in macchina con due donne che conosceva e i loro tre figli. Erano tutti diretti a Zaporizhzhia. Il convoglio di auto è stato fermato dai soldati russi, che si sono avvicinati a ogni macchina per controllare chi c'era dentro e dove stavano andando. Hanno controllato il telefono di mio figlio e lo hanno trascinato fuori dall'auto".


 



 


Fermato al checkpoint di Vasylivka -

Dopo tre ore di controlli i soldati russi hanno lasciato passare tutti i passeggeri di quell'auto ma non il figlio dell'amministratore locale. I conoscenti di Buriak avrebbero implorato i soldati russi di lasciar andare il ragazzo ma senza risultato. I militari avrebbero scoperto l'identità del padre del ragazzo servendosi di un tablet: un sindaco ucraino, un nemico.


 


 


Ti potrebbe interessare anche:



 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali