FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, ergastolo al soldato russo accusato di crimini di guerra

Per il tribunale di Kiev, che ha respinto le argomentazioni della difesa, l'omicidio era premeditato.Shishimarin si era dichiarato colpevole già nelle prime fasi del dibattimento

Ucraina crimini di guerra ergastolo Vadim Shishimarin 
Afp

Il sergente Vadim Shishimarin, il 21enne soldato russo a processo in Ucraina per crimini di guerra, è stato condannato all'ergastolo.

Il militare, il primo finito alla sbarra in un

tribunale di Kiev

, era accusato di aver

ucciso un civile disarmato

nella regione di Sumy, pochi giorni dopo l'inizio dell'invasione russa.

Shishimarin si era dichiarato colpevole già nelle prime fasi del dibattimento

, sostenendo però di aver sparato alla testa al civile perché gli era stato ordinato di farlo. Il legale del sergente ha annunciato che farà

appello

contro la sentenza.

 



 


Il tribunale di Kiev ha prodotto prove contro Shishimarin e ha concluso che

l'omicidio era premeditato

. Sono state respinte le argomentazioni della difesa, secondo cui il soldato avrebbe eseguito l'ordine perché era stato impartito da un altro militare. La corte inoltre

non considera sincero

il rimorso dell'imputato.


 


Ucraina, emessa la prima condanna per crimini di guerra: ergastolo al 21enne Vadim Shishimarin


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali