FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Ucraina, Zelensky: "A Izyum torture come a Bucha" | Von der Leyen: "Le sanzioni Ue alla Russia resteranno"

Il Cremlino boccia il piano di Kiev sulla sicurezza: è una minaccia per Mosca. La presidente della Commissione Ue nel discorso sullo stato dell'Unione: "Putin fallirà e l'Europa prevarrà". Il Pentagono: "Alcuni soldati russi si sono ritirati da Kharkiv". Kiev: "Dopo la nostra controffensiva, Mosca vuole negoziare"

Zelensky in visita a sorpresa a Izyum: "Anche qui torture, come a Bucha"

"Non ci si può abituare a queste cose, ma dopo Bucha non saremo sorpresi dai passi compiuti dai terroristi russi, perché vediamo la stessa cosa. Di nuovo torture, di nuovo distruzione di scuole, asili. Loro fanno le stesse cose, non ho visto niente di nuovo". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, dopo la visita a sorpresa a Izyum, liberata dai russi nei giorni scorsi.

Leggi Tutto Leggi Meno

Il conflitto in Ucraina giunge al 203esimo giorno ancora una volta nel segno della scoperta di crimini di guerra.

Come riferisce il presidente Zelensky, a Izyum le forze ucraine hanno scoperto "come a Bucha torture e distruzione di scuole e asili. I terroristi russi fanno sempre le stesse cose, nulla di nuovo". Gli

Stati Uniti

riferiscono che "un certo numero di soldati russi" si è ritirato dalla regione ucraina di Kharkiv e annunciano un nuovo pacchetto di aiuti militari a Kiev nei prossimi giorni. L'Ucraina riceverà inoltre uno stanziamento da 1,4 miliardi di dollari dal

Fondo monetario internazionale

e che prosegue la stabilizzazione dei territori liberati. Kiev aggiunge: "Dopo la controffensiva ucraina, ora Mosca vuole negoziare". "La solidarietà dell'Europa nei confronti dell'Ucraina rimarrà incrollabile, Putin fallirà", afferma la presidente della Commissione Ue

von der Leyen

, che assicura: "Le sanzioni alla Russia sono destinate a rimanere"

. Il Cremlino

boccia il piano di Kiev sulla sicurezza: "È un pericolo per la Russia".
  • 14 set

    Mosca: Usa in guerra se danno missili a lungo raggio a Kiev

    "Se Kiev ottenesse" i missili a lungo raggio che ha richiesto agli Stati Uniti, "grandi città russe, oltre che infrastrutture industriali e dei trasporti, ricadrebbero nell'area di possibile distruzione. Uno scenario del genere significherebbe un diretto coinvolgimento degli Stati Uniti in un confronto militare con la Russia". Lo ha dichiarato all'agenzia Sputnik l'ambasciatore russo negli Usa, Anatoly Antonov. "Particolarmente preoccupante è il fatto che da molti mesi l'Ucraina sollecita la fornitura di missili tattici operativi Atacms, progettati per colpire obiettivi a una distanza massima di 300 km", ha aggiunto.

  • 14 set

    Von der Leyen: "Partirò per l'Ucraina" - VIDEO 

  • 14 set

    Putin a Guterres: bene cooperazione con Aiea

    Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso apprezzamento per la "cooperazione costruttiva" con l'Aiea e ha parlato delle mosse per assicurare la sicurezza della centrale di Zaporizhzhia in una conversazione con il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres. Ne dà notizia il Cremlino, riporta la Tass. 

  • 14 set

    Scholz: "Putin ancora convinto che la guerra non sia stata un errore"

    Vladimir Putin "non ha maturato l'idea che iniziare la guerra sia stato un errore e non ha accennato al fatto che cambierà atteggiamento". Lo ha detto Olaf Scholz, rispondendo a una domanda sul colloquio telefonico avuto col presidente russo. Il cancelliere tedesco ha però sottolineato di essere convinto che "è importante parlare con lui".

  • 14 set

    L'Onu: "Siamo ancora lontani dalla pace"

    "Ho la sensazione che siamo ancora lontani dalla pace in Ucraina, mentirei se dicessi che può accadere a breve. Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ribadendo che le possiblità di un accordo di tregue "ora sono minime".

  • 14 set

    Kiev: "Camera delle torture a Balakliya, il Padre Nostro sul muro"

    Una camera della tortura russa a Balakliya, la città ucraina liberata dall'occupazione russa nella regione di Kharkiv. "Il Padre Nostro è stato inciso sul muro dai prigionieri ucraini, la Russia deve essere ritenuta responsabile per questo lampante genocidio", ha dichiarato il ministero della Difesa ucraino, pubblicando un'immagine della stanza cui fa riferimento.

  • 14 set

    La Russia mette al bando 30 cittadini britannici

    La Russia vieta l'ingresso nel Paese a 30 cittadini britannici. Si tratta di quelli che Mosca definisce membri di "strutture" attive nel promuovere un'agenda "anti-Russia" e "lobbisti" della Difesa britannica.

  • 14 set

    Allarme aereo in tutta l'Ucraina dopo raid a Kryvyj Rih

    L'esercito russo ha lanciato un attacco missilistico su Kryvyi Rih, nella regione meridionale di Dnipropetrovsk, facendo scattare l'allarme aereo in tutta l'Ucraina, ad eccezione della Crimea sotto il controllo di Mosca. Lo ha riferito su Telegram il governatore locale Oleksandr Vilkul, citato da Ukrinform, che ha invitato la popolazione a restare nei rifugi. Sui social circolano alcune immagini di colonne di fumo nero in città. Al momento le autorità non hanno indicato un bilancio dell'attacco.

  • 14 set

    Kadyrov: serve legge marziale in Russia, guerra è con Nato

    "Se dipendesse da me, dichiarerei la legge marziale in tutta la Russia e utilizzerei qualsiasi arma, perché oggi siamo in guerra con la Nato". Lo afferma il leader ceceno alleato del Cremlino Ramzan Kadyrov sul suo canale Telegram in merito alla situazione in Ucraina. "Nel nostro grande Stato - aggiunge Kadyrov - ognuno può contribuire: inviando volontari o partendo volontario, aiutando a ristabilire una vita pacifica, o almeno sostenendo i nostri impavidi combattenti su Internet".

  • 14 set

    Zelensky: "A Izyum torture come a Bucha"

    "Non ci si può abituare a queste cose, ma dopo Bucha non saremo sorpresi dai passi compiuti dai terroristi russi, perché vediamo la stessa cosa. Di nuovo torture, di nuovo distruzione di scuole, asili. Loro fanno le stesse cose, non ho visto niente di nuovo". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, dopo la visita a sorpresa a Izyum, liberata dai russi nei giorni scorsi.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali