FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Uccisi in Libia, Minniti al Copasir: "Sono vivi gli altri due italiani rapiti"

Secondo il sottosegretario i due tecnici non sono stati coinvolti nel conflitto a fuoco. La conferma di una jihadista: "Sono a Sabatra"Il dibattito politico si scalda: partiti indecisi sulla missione

Uccisi in Libia, Minniti al Copasir: "Sono vivi gli altri due italiani rapiti"

Gli altri due tecnici della Bonatti di Parma rapiti a luglio in Libia non sono rimasti coinvolti nello scontro a fuoco in Libia in cui sarebbero stati uccisi i loro colleghi Fausto Piano e Salvatore Failla. Lo ha detto al Copasir, secondo quanto si apprende, il sottosegretario con delega ai servizi segreti Marco Minniti. Secondo media libici Filippo Calcagno e Gino Pollicardo sarebbero nelle mani del leader locale dell'Isis.

Moglie di un jihadista: "Sono a Sabrata" - A confermare le parole di Minniti c'è la dichiarazione di una donna, moglie di uno jihadista, catturata nello scontro a fuoco: "Nell'interrogatorio la prigioniera ha confessato che vi sono due italiani in un luogo nella periferia di Sabrata. La ricerca è ancora in corso", ha rivelato il presidente del locale Consiglio militare, Taher El-Gharably.

Stucchi: "Non reclutati dall'Isis" - L'ipotesi che i due ostaggi italiani uccisi in Libia siano stati vittima di una guerra tra bande "non è nemmeno la più probabile". Lo ha detto il presidente del Copasirm Giacomo Stucchim al termine dell'audizione del sottosegretario Minniti. "Mi sento anche di escludere - ha detto - che gli ostaggi fossero stati reclutati nelle fila dello Stato islamico".

"Dopo bombe Usa cambiato scenario" - "I bombardamenti Usa a Sabrata, avvenuti un mese fa, hanno cambiato lo scenario in quella zona, hanno creato ripercussioni e hanno portato le milizie presenti a tentare di riprendersi le loro posizioni". E' quanto ha aggiunto Stucchi rispondendo a chi gli chiedeva se il raid americano possa aver messo a rischio i 4 ostaggi italiani.

"Priorità riportare in Italia gli altri due ostaggi" - Il presidente del Copasir è poi tornato a parlare degli altri due ostaggi italiani non coinvolti nella sparatoria: "Lavoriamo per ripotarli a casa al più presto. La priorità sono loro e per questo serve osservare un rigoroso silenzio su situazioni delicate. Ci auguriamo inoltre che i corpi delle due vittime rientrino presto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali