FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Uber, lʼente trasporti di Londra non rinnova la licenza

"Questo divieto darebbe al mondo lʼimmagine che Londra è una città che chiude le porte a società innovative che portano scelta ai consumatori", la replica dellʼazienda

La Transport for London, l'agenzia dei trasporti di Londra, ha deciso di non rinnovare la licenza al servizio Uber. In una nota il sindaco della capitale, Sadiq Khan, ha affermato che "tutte le compagnie operanti a Londra devono rispettare le regole e rispondere ai più alti standard, in particolare per quanto riguarda la sicurezza dei clienti" anche quando si offre un "servizio innovativo". Uber, da parte sua, ha già annunciato ricorso.

La licenza, che scadrà il 30 settembre, riguarda 40mila autisti. Uber era finito sotto accusa nel Regno per non aver denunciato alla polizia alcuni reati commessi dai suoi autisti, fra cui molestie sessuali nei confronti dei clienti. Ma anche per le precarie condizioni di lavoro a cui sono sottoposti i driver. Contro la società americana da tempo era stata lanciata una campagna da parte dei taxisti che operano i celebri 'black cabs' di Londra: il loro sindacato ha esultato dopo la notizia della licenza negata.

L'azienda attacca il sindaco di Londra -  "3.5 milioni di londinesi che utilizzando la nostra app e più di 40mila driver partner che lavorano principalmente grazie a Uber rimarranno senza parole quando verranno a sapere di questa decisione - ha spiegato in una nota Tom Elvidge, general manager di Uber a Londra - . Revocando la nostra licenza di operare nella capitale, l'autorità dei trasporti di Londra (Tfl) e il sindaco hanno assecondato un ridotto numero di persone che vogliono limitare le scelte dei cittadini. Se questa decisione dovesse essere confermata, oltre 40mila autisti partner di Uber rimarranno senza lavoro e Londra verrà privata di un modo di spostarsi conveniente e affidabile.

Intendiamo fare appello subito per difendere il lavoro di tutti questi driver e il diritto di scelta di milioni di londinesi che utilizzano la nostra app.

Software anti-controllo sotto accusa - Gli autisti che utilizzano Uber operano con una licenza emessa dal Tfl e sono sottoposti agli stessi scrupolosi controlli dei conducenti di black cab. Per garantire un'ulteriore sicurezza la nostra tecnologia innovativa è andata oltre, tracciando e registrando ciascuna corsa con sistemi Gps. Abbiamo sempre seguito le regole del Tfl - ha sottolineato Elvidge - segnalando incidenti seri e attraverso un apposito team che lavora a stretto contatto con la Polizia Locale. Come abbiamo già detto al TfL, un'indagine indipendente ha dimostrato che 'greyball' (un software che, secondo le accuse, servirebbe ad aggirare i controlli e scavalcare, di fatto, le leggi locali) non è mai stato utilizzato o considerato come un'opzione nel Regno Unito così come citata dal Tfl. Uber è attivo in oltre 600 città nel mondo, più di 40 solo nel Regno Unito. Questo divieto - è la conclusione del manager - darebbe al mondo l'immagine che Londra, lontana dall'essere aperta, è una città che chiude le porte a società innovative che portano scelta ai consumatori".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali