FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Turchia, sparatoria allʼuniversità di Eskisehir: 4 morti

Lʼattentatore è un assistente ricercatore. Il rettore dellʼateneo lʼha definito "una persona problematica". Alla base del gesto ci sarebbero dissidi con alcuni colleghi e col preside di facoltà

Turchia, sparatoria all'università di Eskisehir: 4 morti

Quattro persone sono morte in una sparatoria all'Università Osmangazi di Eskisehir, in Turchia. Ad aprire il fuoco è stato un assistente ricercatore, identificato come Volkan Bayar, poi arrestato dalla polizia. Le vittime lavoravano tutte presso la Facoltà di Scienze dell'Educazione: il vicepreside, il segretario, un docente e un lettore. Secondo il rettore dell'ateneo, Hasan Gonen, alla base del gesto ci sarebbero dissidi fra colleghi.

L'assalitore ha sparato dopo essere entrato nell'ufficio del preside di facoltà al terzo piano dell'edificio, colpendo a morte il vicepreside e il segretario, e uccidendo successivamente gli altri due colleghi. Il preside, nei confronti del quale Bayar nutrirebbe i risentimenti più profondi, non si trovava nella stanza per puro caso.

Secondo i media locali, nella sparatoria sarebbero rimaste ferite altre tre persone. Il rettore ha definito il dottorando attentatore "una persona problematica". Bayar era anche oggetto di indagine amministrativa dell'ateneo per aver accusato diversi colleghi di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen, motivazione con cui centinaia di docenti sono stati allontanati dalle università turche dopo il fallito colpo di Stato del luglio 2016.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali