FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Turchia, Istanbul torna al voto: Erdogan si gioca il tutto per tutto

Per lʼopposizione la ripetizione del voto è segno della deriva autoritaria del potere: se perdesse di nuovo, per il presidente sarebbe una doppia umiliazione

Turchia, Istanbul torna al voto: Erdogan si gioca il tutto per tutto

Tre mesi dopo le elezioni comunali del 31 marzo, Istanbul torna alle urne per scegliere il sindaco. Dal voto precedente era uscito vincitore l'astro nascente dell'opposizione Ekrem Imamoglu. Il partito di Erdogan, l'Akp, aveva però presentato una serie di ricorsi denunciando "massicce irregolarità" e ottenendo l'annullamento del risultato. E ora Erdogan si gioca tutto: "Chi vince Istanbul, vince la Turchia", ha spiegato in diverse occasioni.

Il presidente, che prima del 31 marzo aveva addirittura detto che alle municipali si giocava "la sopravvivivenza della nazione", ha però di recente preferito sminuire la portata di queste elezioni, dicendo martedì che alla fine "si elegge solo un sindaco". D'altra parte, sottolineano gli analisti, se il suo candidato perderà una seconda volta per Erdogan la sconfitta sarà ancora più umiliante, con l'opposizione che puntato sul fatto che la ripetizione del voto è un segno della deriva autoritaria del potere in Turchia. Se invece il candidato di Erdogan dovesse farcela, sarebbe una "vittoria di Pirro", spiega Jean Marcou, ricercatore all'Istituto francese di studi anatolici, perché "i motivi dell'annullamento del primo voto sono talmente sospetti e contestabili che l'Akp sembrerà perdente".

Per Erdogan si tratta di mantenere una città chiave, di 16 milioni di abitanti, di cui è stato sindaco e che genera un giro d'affari indispensabile al suo partito. Per l'opposizione, invece, si tratta di conquistare la roccaforte del "sultano". Se l'Akp e il suo alleato ultranazionalista Mhp a marzo sono arrivati in testa a livello nazionale, è anche vero che sono stati puniti nelle metropoli, come appunto Istanbul e anche Ankara, la capitale, che i conservatori di Erdogan controllavano da oltre un quarto di secolo. In vista della seconda edizione della battaglia di Istanbul, allora, Erdogan ha cambiato strategia: onnipresente per sostenere il suo candidato nella prima campagna, questa volta ha scelto con parsimonia le sue comparse in pubblico, per evitare di trasformare il voto di Istanbul in un referendum sulla sua persona.

Ekrem Imamoglu, dal canto suo, qualunque sia l'esito uscirù vittorioso: denunciando "l'ingiustizia" commessa a suo parere contro di lui presenta le elezioni comunali come una "lotta per la democrazia" e, per i suoi sostenitori, è diventato un campione dell'opposizione in grado di poter sfidare Erdogan alle prossime elezioni presidenziali, nel 2023.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali