FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Turchia contraria a Finlandia e Svezia nella Nato: "Ospitano terroristi Pkk" | Di Maio: Italia favorevole a un loro ingresso"

Ankara potrebbe porre il veto: "Non dobbiamo fare un altro errore come fu per l'ingresso della Grecia"

L'adesione di Finlandia e Svezia alla Nato sarebbe un "errore" come quello dell'ingresso della Grecia nell'Alleanza Atlantica: lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Il leader turco ha detto ai giornalisti che "non vuole che si ripeta lo stesso errore commesso con l'adesione della Grecia", accusando Stoccolma ed Helsinki "di ospitare terroristi del Pkk", il Partito dei Lavoratori del Kurdistan. "Non abbiamo un'opinione positiva", ha insistito Erdogan. Di Maio: "Italia favorevole all'ingresso dei due Paesi".


 


Svezia e Finlandia, dal canto loro, vogliono discutere proprio con la Turchia del possibile ingresso nell'Alleanza Atlantica e intendono farlo a Berlino, in occasione della riunione informale dei ministri degli Esteri della Nato. Successivamente il portavoce di Erdogan ha fatto sapere che c'è una disponibilità a negoziare, in particolare sull'ospitalità di Svezia e Finlandia nei confronti di membri del Pkk curdo.


 


Lo ha precisato Ibrahim Kalin, portavoce del presidente RecepTayyip Erdogan.


 


 


Di Maio: "Italia favorevole a ingresso Finlandia e Svezia" - 

"L'Italia sostiene con forza l'ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato". Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. "Siamo ben lieti di accoglierli nell'Alleanza, un'Alleanza che ha garantito la pace per decenni", ha aggiunto il titolare della Farnesina parlando a margine del G7 in Germania. 


 


Usa: "Lavoriamo per chiarire posizione Ankara su Finlandia e Svezia"

 - Dopo le proteste del presidente Erdogan, gli Stati Uniti sono al lavoro per "chiarire" la posizione della Turchia riguardo alla possibile adesione di Finlandia e Svezia alla Nato. Lo ha riferito Karen Donfried, vice segretaria di Stato Usa per l'Europa e l'Eurasia, citata dai media Usa. La questione, ha detto Donfried, sarà discussa nel corso del weekend in occasione dell'incontro ministeriale della Nato a Berlino, al quale parteciperanno anche i ministri degli Esteri di Turchia, Svezia e Finlandia.
 


Biden a Svezia e Finlandia: sostegno Usa -

Il presidente americano Joe Biden ha assicurato alla premier svedese, Magdalena Andersson, e al presidente finlandese, Sauli Niinisto, il suo sostegno alla politica della porta aperta della Nato e al "diritto di Finlandia e Svezia di decidere il proprio futuro, la propria politica estera e le proprie disposizioni in materia di sicurezza". Lo riferisce la Casa Bianca in una nota sulla telefonata tra i tre leader. 


 


Basta un solo no -

Per poter fare parte della Nato, un Paese deve essere autorizzato dal proprio Parlamento prima di presentare la formale domanda. Oltre a dover essere uno Stato in Europa, ci sono anche diversi requisiti politici e sociali da dover presentare a dimostrazione di essere una democrazia libera. Ma l'accettazione alla Nato è vincolata al via libera da parte di tutti i Paesi membri, come riporta l'articolo 10 dello statuto. 


 


Che cosa è la Nato -

La Nato (North Atlantic Treaty Organization) è stata fondata nel 1949 dopo la fine della Seconda guerra mondiale e al principio contava 12 Paesi membri, considerati i suoi fondatori (tra questi figura l'Italia). L'Alleanza, nota anche come patto atlantico, ha conosciuto diverse fasi di espansione. La Grecia e la Turchia sono state ammesse nel 1952, la Germania Ovest nel 1955, la Spagna nel 1982. Lo slancio espansivo si è poi rinnovato dopo il crollo dell'Unione Sovietica e la dissoluzione del patto di Varsavia. La riunificazione della Germania ha portato dentro l'Alleanza anche i territori dell'est del Paese, nel 1990. Mosca sostiene durante questo passaggio Usa e Nato avrebbero garantito ai leader sovietici che l'Alleanza non si sarebbe allargata ulteriormente a oriente. Ma non esiste un documento che certifichi questa promessa e si ritiene che l'accordo si riferisse alla sola Germania Est (il crollo dell'Urss in quella fase era ancora impensabile) mentre invece la Russia ora sostiene fosse più ampio e includesse senz'altro anche la Polonia.


 



 


Al summit di Washington del 1999 Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca entrarono a far parte dell'Alleanza. Al summit di Istanbul del 2004 fu la volta di altri sette Paesi: Bulgaria, Romania, Slovenia, Slovacchia nonché Lituania, Lettonia ed Estonia (ovvero le tre nazioni baltiche che facevano parte dell'Urss). Nel 2009 toccò ad Albania e Croazia, nel 2017 al Montenegro, nel 2020 alla Macedonia del Nord. Al summit di Bucarest del 2008 fu deciso che Ucraina e Georgia avrebbero potuto un giorno entrare nell'alleanza mentre nel 2010 la Bosnia-Erzegovina fu invitata al Membership Action Plan (Map).


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali