FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Turchia, autobomba a Smirne: 2 morti e una decina di feriti, un killer in fuga

Due le esplosioni e uno scontro a fuoco dei terroristi con le forze dellʼordine. Il governatore: il Pkk curdo dietro lʼattacco

Un altro attacco terroristico in Turchia ha provocato due morti e una decina di feriti. Gli attentatori hanno fatto esplodere due autobombe vicino al tribunale di Smirne, nell'ovest del Paese, dando vita a uno scontro a fuoco con le forze dell'ordine. Due dei killer sono rimasti uccisi e uno si è dato alla fuga. Le vittime sono un poliziotto e un dipendente del tribunale. Secondo il governatore di Smirne, Erol Ayyildiz, l'attacco è opera del Pkk curdo.

Attentato a Smirne: autobomba esplode davanti al tribunale

Sembra che i terroristi avessero addosso otto bombe a mano. Sul luogo dell'attacco sono arrivate diverse ambulanze e secondo quanto dicono i media locali diversi dipendenti sarebbero ancora all'interno del tribunale.

Erdogan: "La Turchia è sotto attacco" - Durissime le parole del presidente Recep Tayyip Erdogan. "La Turchia - ha detto - è sotto attacco contemporaneo di diversi gruppi terroristici e vogliono metterla in ginocchio. Non c'è nulla che non abbiano ancora provato, ma non ci sono riusciti. Non possono mettere la nostra gente l'una contro l'altra. Non sono riusciti a distruggere la nostra unità e non ci riusciranno".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali