FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Trump toglie i finanziamenti alle cliniche che praticano lʼaborto

La decisione rovescia una norma di Obama che impediva agli Stati di trattenere i soldi per queste strutture . Si torna ai tempi di Reagan.

Trump toglie i finanziamenti alle cliniche che praticano l'aborto

A sei mesi dalle elezioni di metà mandato, Donald Trump tira fuori dal cilindro una carta molto cara ai conservatori: la lotta al diritto all’aborto. È stata annunciata, infatti, la norma, da lui firmata il mese scorso, che permette agli Stati di non distribuire più soldi federali non solo alle cliniche statunitensi che praticano l'aborto, ma anche a quelle che forniscono consulenza alle pazienti che vogliono interrompere la gravidanza.

La legge è stata pensata soprattutto per colpire Planned Parenthood, organizzazione di cliniche non profit che fornisce molti servizi sanitari alle donne, tra cui l’aborto. La struttura, tra l’altro, si è battuta, facendo ricorso il 17 maggio, contro l’entrata in vigore di una norma molto restrittiva approvata in Iowa, secondo cui è vietato interrompere la gravidanza dopo le sei settimane, cioè non appena viene rilevato il battito cardiaco del feto.

La decisione del presidente americano capovolge una legge voluta dal suo predecessore Barack Obama che impediva agli Stati di trattenere i soldi federali destinati a queste strutture. Inoltre, segna il ritorno a una politica di Ronald Reagan del 1988 - poi abolita da Bill Clinton nel ‘94 - che sanciva la separazione dei servizi per l’aborto da altre attività di "pianificazione familiare".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali