FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trump: "Alla Casa Bianca contro i manifestanti erano pronti i cani feroci"

Il presidente americano ha sostenuto che i "cosiddetti manifestanti avevano poco a che fare con la memoria di George Floyd" ed "erano lì solo per creare disordini"

Afroamericano ucciso, tensione davanti alla Casa Bianca

Se fossero riusciti a superare la cancellata della Casa Bianca, i manifestanti che protestavano fuori dall'alloggio presidenziale contro l'uccisione di George Floyd "sarebbero stati accolti dai cani più feroci e dalle armi più minacciose che io abbia mai visto". Lo ha twittato Donald Trump, aggiungendo: "In quel momento la gente almeno si sarebbe fatta veramente male". Il presidente si complimenta inoltre con gli agenti del Secret Service. 

Il presidente americano ha quindi sostenuto che i "cosiddetti manifestanti avevano poco a che fare con la memoria di George Floyd" ed "erano lì solo per creare disordini". "Questi sono 'gruppi organizzati" che non hanno niente a che fare con George Floyd", ha rimarcato.

 

Trump ha poi rilanciato le sue accuse al movimento Antifa e alla sinistra radicale di essere responsabile delle violenze nelle proteste. Il presidente americano ha quindi chiesto alle autorità politiche di Minneapolis e del Minnesota di essere "più dure se vogliono onorare la memoria di Floyd. Se vogliono possono chiamare le nostre truppe".

 

 

"Ero dentro, ho visto ogni mossa e non avrei potuto sentirmi più sicuro", ha scritto ancora Trump riferendo alle proteste fuori dalla Casa Bianca. "Hanno lasciato i manifestanti gridare e inveire quanto volevano", ha aggiunto, prima di indicare quale sarebbe stata la risposta in caso di attacco.

 

"Molti agenti del Secret service aspettano solo di agire. 'Mettiamo i giovani in prima linea, signore, loro amano questo ed e' un buon addestramento'", ha aggiunto il prsesidente Usa citando quello che gli sarebbe stato detto. Trump ha poi attaccato il sindaco di Washington Dc Muriel Bowser perché "chiede sempre soldi e aiuto" ma non ha permesso che la polizia della capitale intervenisse in quanto 'non è lavoro loro'. La tutela delle più alte autorità spetta al Secret service.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali