FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tajani: basta con il Far West nel web, il copyright è sacrosanto

Mercoledì il voto. Il presidente del Parlamento Europeo: "La libertà dʼespressione non viene messa in pericolo, è la situazione attuale che mette a rischio la democrazia"

Tajani: basta con il Far West nel web, il copyright è sacrosanto

La riforma della legge europea sul copyright è in dirittura d'arrivo: mercoledì 12 settembre il Parlamento europeo è chiamato a votare la direttiva numero 2016/0280 sul diritto d'autore nel mercato unico digitale. In esame l'insieme di norme che dovrebbe mettere fine alla possibilità per i colossi del Web come Google e Facebook di trarre profitti dai contenuti - prodotti da altre aziende editoriali e transitanti sulle loro piattaforme - senza corrispondere alcunché alle case editrici. "La libertà d'espressione non viene messa in pericolo da questa direttiva, è vero il contrario. E' il Far West attuale che mette a rischio la democrazia: il copyright è sacrosanto", precisa a Milano Finanza Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo e vicepresidente di Forza Italia.

Tajani difende a spada tratta la direttiva, confutando le fake news che girano sull'argomento. A luglio, infatti, nel Parlamento europeo, una maggioranza trasversale formata da estrema sinistra, e anche una minoranza del Pd, con Lega e 5 Stelle, in nome di una "malcompresa" libertà di espressione è riuscita a bloccare la riforma, costringendo l'Aula ad un nuovo esame in assemblea plenaria. "Quella che è stata fatta a luglio - puntualizza Tajani sulle colonne del quotidiano finanziario, - è una vera e propria campagna di disinformazione che non giova alla democrazia".

"Sul web - continua - c'è questa falsa idea che tutto debba essere libero. Ma è il confronto, la discussione che deve essere libera, non la fruizione di un prodotto dell'ingegno, quale esso sia, un libro, un film, una canzone o un articolo. Dietro c'è sempre del lavoro, che va pagato. Anche questo è un diritto e dobbiamo difenderlo. Peraltro a quei partiti che parlano tanto d'identità nazionale vorrei ricordare che la sua difesa passa anche da qui. Un film, un libro o un articolo sono cultura, la nostra cultura. Difendiamola".

"La prima bufala, che gira ancora, - ha poi aggiunto Tajani - è che queste norme possano bloccare Wikipedia. Ci sono cascati loro stessi, ma non è così e lo abbiamo chiarito esplicitamente. Non c'è alcun onere per le piattaforme di conoscenza condivisa non profit".

"L'informazione e il diritto di espressione con queste regole verranno garantite molto di più che dall'attuale assenza di norme - precisa. - Noi difendiamo l' informazione, quella vera, che verifica i fatti. Del resto l'informazione giornalistica è un presidio di democrazia perché se il giornalista sbaglia, se pubblica notizie non vere, ne paga le conseguenze, penalmente e in solido. Questa si chiama responsabilità, quella che non hanno le grandi piattaforme, che non pagano mai e non creano posti di lavoro, anzi, semmai li distruggono, mettendo in Rete gratis il lavoro degli altri su cui poi raccolgono la pubblicità. E su quei ricchi ricavi non pagano nemmeno le tasse. Un andazzo a cui bisogna mettere fine".

Sta parlando della web tax?, chiede il giornalista di Milano Finanza. "Sì - risponde Tajani. - Che serva, ormai in Europa non lo nega più nessuno. Anzi, tutti i sondaggi ci dicono che l'opinione pubblica è d'accordo. La larga maggioranza degli europei è convinta che queste multinazionali debbano pagare le tasse sugli utili che realizzano qui, non importa se hanno la sede negli Stati Uniti, in Cina o chissà dove".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali