FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Nord Stream, si è aperta una quarta falla: confermate tre esplosioni | Putin: "Atto di terrorismo internazionale"

Scambio di accuse pesantissime tra russi e americani. Secondo il Cremlino nella zona c'erano più navi Nato che di Mosca. Replica l'Alleanza: "Difenderemo le nostre infrastrutture"

nord stream falla combo
Tgcom24

Nord Stream, il gasdotto russo che porta il metano verso Germania e Polonia, ha una quarta falla.

Lo afferma la Guardia costiera svedese. Due di queste quattro perdite si trovano nella zona economica di Stoccolma. Allo stesso tempo, il sismologo Björn Lund non esclude che possa essersi verificata una terza detonazione. Il presidente russo Vladimir Putin, in una telefonata all'omologo turco Recep Tayyip Erdogan, ha detto che i danni al gasdotto costituiscono un "atto di terrorismo internazionale".

 

Le falle nel Nord Stream, il gas ribolle nel mar Baltico

 

Tre esplosioni su Nord Stream - Sono tre le esplosioni confermate che nell'area sottomarina dove transitano Nord Stream 1 e 2. Ma le falle nei due gasdotti apertesi martedì sembrano essere diventate quattro. "Due delle quattro perdite si trovano nella zona economica esclusiva della Svezia", ha detto al giornale la portavoce della guardia costiera Jenny Larsson. Le altre due perforazioni si trovano nella zona economica esclusiva danese. L'Unione Europea sospetta che ci sia un sabotaggio alla base delle fughe di gas dei gasdotti sottomarini russi verso l'Europa e ha promesso una risposta "robusta" a qualsiasi interruzione intenzionale dell'infrastruttura energetica.

 

Confermata la presenza di navi russe nella zona - Due funzionari dell'intelligence europea hanno osservato che lunedì e martedì navi di supporto della Marina russa erano in prossimità delle falle nel Nord Stream e che rischiano di rendere i gasdotti irrecuperabili. Lo riferisce la Cnn. Non è chiaro se le navi abbiano avuto a che fare con le esplosioni, hanno detto le fonti, ma è uno dei tanti fattori che gli investigatori esamineranno. La settimana scorsa sono stati osservati sottomarini russi non lontani da quelle zone, ha detto uno dei funzionari dell'intelligence. Le navi russe operano abitualmente nell'area, secondo un funzionario militare danese, che ha sottolineato che la presenza delle navi non indica necessariamente che la Russia abbia causato il danno. Le vediamo ogni settimana", ha dichiarato. "Le attività russe nel Mar Baltico sono aumentate negli ultimi anni. Spesso mettono alla prova la nostra consapevolezza, sia in mare che in aria". Ma gli avvistamenti gettano ulteriori sospetti sulla Russia, che ha attirato la massima attenzione da parte dei funzionari europei e statunitensi in quanto unico attore nella regione che si ritiene abbia la capacità e la motivazione per danneggiare deliberatamente gli oleodotti, scrive l'emittente Usa. 

 

 

Cremlino: "Navi Nato nella zona, attacco terroristico contro di noi" - Il Cremlino ha fatto notare che nell'area dove sono avvenute le esplosioni che hanno danneggiato il gasdotto Nord Stream nel Mar Baltico c'erano molti più mezzi militari Nato che russi. Lo ha affermato Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin, come riporta Interfax, smentendo le notizie della presenza di navi da guerra e sottomarini russi nella zona. "Questa zona è il Mar Baltico. Lì sono stati avvistati molti più mezzi dell'aviazione e della marina che appartengono ai paesi della Nato. Pertanto, questa è una notizia senza senso, che, diciamo, è di parte", ha detto Peskov. Gli incidenti ai gasdotti Nord Stream sembrano "un atto terroristico, probabilmente di un Paese straniero", ha aggiunto Dmitry Peskov, citato da Interfax.

 

 

Replica la Nato: "Pronti a rispondere ad attacchi infrastrutture" - "Il danneggiamento dei gasdotti Nordstream 1 e Nordstream 2 nelle acque internazionali del Mar Baltico desta profonda preoccupazione: tutte le informazioni attualmente disponibili indicano che si tratta del risultato di atti di sabotaggio deliberati, sconsiderati e irresponsabili". Lo dichiara una nota del Consiglio Atlantico, sottoscritta anche da Svezia e Finlandia, alleati entranti. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha parlato con diversi alleati europei del sabotaggio dei gasdotti Nord Stream. La Nato si dice pronta "a rispondere unita e con determinazione a qualsiasi attacco deliberato contro le infrastrutture critiche degli alleati". 


Società Nord Stream: "Impossibile prevedere i tempi di ripristino" - "Fino al completamento della valutazione dei danni, è impossibile prevedere i tempi di ripristino dell'infrastruttura di trasporto del gas". Così in una nota sul suo sito Nord Stream AG, il consorzio internazionale di gestione del gasdotto russo. Secondo la compagnia, "l'ingresso nell'area degli incidenti può essere permesso solo dopo che la pressione nel gasdotto sarà stabilizzata e la fuga di gas fermata".

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali