FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trump cita Mussolini ma la frase è di un soldato italiano

Bernardo Vicario la scrisse su un muro di una casa il 14 giugno 1918 prima di un bombardamento che distrusse il suo battaglione nel Trevigiano

Trump cita Mussolini ma la frase è di un soldato italiano

"Meglio vivere un giorno da leone che cento da pecora", frase retwittata da Donald Trump e frettolosamente attribuita al Duce, è stata in realtà scritta sul muro di una casa a Fagarè (Treviso) il 14 giugno del 1918 da un soldato, Bernardo Vicario, sei ore prima del bombardamento che distrusse il suo battaglione. Da quel giorno è stata ripresa più volte e compare anche nel film "La Grande Guerra" di Mario Monicelli.

La frase è stata sempre attribuita ad un soldato ignoto, fino a quando l'ex combattente Bernardo Vicario chiarì la sua origine in una lettera del 23 ottobre 1931, poi ripresa nel libro di Piero Tessaro "Aquile e Angeli sul Grappa e sul Piave": "Tale leggenda è stata scritta da me la sera del 14 giugno 1918, alle ore 19, cioè sei ore prima del grande bombardamento che provocò la scomparsa del mio battaglione di cui non restarono che pochi superstiti. Tale leggenda mi è stata dettata dal compianto Maggiore Rigoli Cav. Carlo ed io, come zappatore presso il comando del battaglione, eseguii tale ordine scrivendo come potei su quel rozzo muro all'entrata del paese ove aveva sede il primo Battaglione del 201° Reggimento Fanteria...".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali