FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spagna: anche i baschi voteranno la sfiducia, ma Rajoy non ha intenzione di dimettersi

Aperto il dibattito nel Congresso dei deputati a Madrid. Secondo la Tve, potrebbe risultare decisivo, per la caduta del premier, lʼorientamento dei 5 deputati del partito nazionalista Pnv

Spagna: anche i baschi voteranno la sfiducia, ma Rajoy non ha intenzione di dimettersi

Si è aperto a Madrid, nel Congresso dei deputati, il dibattito sulla mozione di sfiducia presentata contro Mariano Rajoy dal leader socialista Pedro Sanchez che potrebbe fare cadere il premier del Partido Popular. L'esito del voto finale di venerdì è incerto, e potrebbe dipendere dal partito nazionalista basco Pnv, i cui 5 deputati sarebbero pronti ad appoggiare la sfiducia a Rajoy. Quest'ultimo, però, non avrebbe intenzione di dimettersi.

Alcuni analisti hanno ipotizzato che Rajoy possa dimettersi prima del voto per impedire la nomina automatica di Sanchez. Se la mozione di sfiducia otterrà l'appoggio di 176 deputati su 350, Rajoy cadrà e sarà sostituito automaticamente alla Moncloa da Sanchez. I 5 voti del Pnv sono considerati decisivi.

Sanchez a Rajoy: "Si dimetta, il suo tempo è finito" - "Si dimetta signor Rajoy, la sua permanenza alla guida del governo è dannosa per il nostro Paese e un peso per il suo partito". Lo ha affermato il leader socialista Pedro Sanchez nel dibattito sulla sfiducia nel Congresso dei deputati. "E' disposto a dimettersi qui e ora? Si dimetta e tutto finirà, potrà lasciare la presidenza del governo per sua decisione. O rimarrà afferrato alla poltrona?", ha attaccato Sanchez. "Il suo tempo è finito - ha aggiunto -, il Paese non ne può più del serial di corruzione che segna un'epoca sulla quale occorre voltar pagina".

Rajoy: "Corrotti nel Pp ma partito non è corrotto" - "Ci sono stati corrotti nel Partido Popular, è vero, ma il Pp non è un partito corrotto". Si è difeso il premier spagnolo Mariano Rajoy nel dibattito del Congresso. Il primo ministro ha affermato che "la corruzione è da tutte le parti", e ha ricordato le varie cause aperte contro il Psoe per episodi di corruzione, in particolare il caso Ere nel quale sono coinvolti in Andalusia due ex-presidenti del Psoe. "Se non si è in condizioni per dare lezioni, è meglio stare zitti" ha denunciato, "siete forse Suor Teresa di Calcutta?".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali