FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Siria, morto un combattente italiano delle forze curde

Lʼuomo, conosciuto con il nome di battaglia di "Hiwa Bosco", sarebbe rimasto vittima di uno "sfortunato incidente mentre era in servizio a Derik, il 7 dicembre"

Un cittadino italiano, Giovanni Francesco Asperti, è morto in Siria. La notizia, che era stata diffusa dalle milizie curde dello Ypg, è stata confermata dalla Farnesina. Asperti, originario di Bergamo, si era unito ai miliziani curdi che, sul loro sito, hanno reso noto che l'uomo, conosciuto con il nome di battaglia di Hiwa Bosco, è rimasto vittima di uno "sfortunato incidente mentre era in servizio a Derik, il 7 dicembre".

Sul sito della milizia, Unità per la protezione dei popoli (Ypg), che combatte contro l'Isis in Siria, si spiega che "Hiwa Bosco" era uno delle "centinaia di rivoluzionari che si erano uniti alla lotta contro l'Isis nella regione curda di Rojava e nel nord della Siria" e "durante tutta la sua vita nella lotta di liberazione ha dato l'esempio di una vera vita rivoluzionaria". Il sito pubblica anche la foto di Asperti, che "è stato martirizzato a causa di uno sfortunato incidente mentre era in servizio". Il decesso risalirebbe al 7 dicembre.

Fonti della Farnesina confermano la morte di Asperti in Siria, sottolineando che il consolato a Erbil in connessione con la Farnesina sta seguendo il caso ed è in contatto con i familiari per dare loro assistenza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali