FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Siria, il piccolo Karim ha perso un occhio a causa dei bombardamenti: campagna social di solidarietà

Gli utenti di tutto il mondo e, soprattutto, gli attivisti siriani che si oppongono al regime di Bashar al-Assad, si sono scattati un selfie con un occhio coperto

Karim ha due mesi e ha perso l’occhio sinistro durante i bombardamenti nel Ghouta orientale, vicino a Damasco, in Siria. Bombardamenti che gli hanno portato via anche la mamma. Ora l’immagine del suo volto martoriato è diventata un simbolo in tutto il mondo. Tanto che gli utenti social e, specialmente, gli attivisti siriani che si oppongono al regime di Bashar al-Assad, hanno lanciato la campagna di solidarietà #solidaritywithKarim e #StandwithKarim. Sono migliaia le persone che si sono scattate un selfie coprendosi un occhio in segno di vicinanza al piccolo.

#SolidaritywithKarim e #StandwithKarim: la campagna social di solidarietà

La foto del piccolo - Il primo a scattare una foto al piccolo Karim è stato Amer Almohibany, un fotografo siriano freelance. Lo stesso che poi ha lanciato la campagna di solidarietà. “Il bambino ha due mesi - ha twittato Almohibany - ha perso la sua mamma e un occhio dopo essere stato colpito da un bombardamento dell’artiglieria di Assad, che aveva come obiettivo il popolare mercato di Hamuriyah, nel Ghouta orientale. Questo è uno degli orribili crimini del regime di Assad”. Successivamente, il fotografo è ritornato sul tema, twittando la foto di suo figlio, immortalato mentre si copre un occhio con la mano. “Mio figlio di 3 anni e mezzo è solidale con Karim”, ha scritto Almohibany.

La campagna social - La foto del figlio di Almohibany ha scatenato la campagna social. Dai bambini ai giovani fino agli anziani: tantissimi coloro che hanno pubblicato il loro selfie simbolo. Perfino Matthew Rycroft, ambasciatore del Regno Unito all'Onu, si è unito al coro.

Qussai Nour, un reporter locale che è andato a trovare Karim, ha raccontato che il padre del bimbo è disoccupato e che si sta prendendo cura dei suoi figli. “I dottori del Ghouta stanno cercando di curare il piccolo, ma Karim ha bisogno di specialisti in neurologia, oftalmologia e chirurgia plastica”, ha spiegato Nour. 

Ma Karim non è l’unico. Sono centinaia i casi come il suo e “se i bombardamenti non si fermeranno - ha dichiarato Moayed al-Halafi, membro della Syrian Civil Defense - ce ne saranno migliaia”.

Una situazione drammatica - La situazione nella zona del Ghouta orientale - dove abitano circa 400mila persone - è drammatica. L’Unicef ha fatto sapere che 137 bambini devono essere evacuati immediatamente perché hanno bisogno di cure mediche. Secondo quanto hanno riportato le Nazioni Unite, inoltre, approssimativamente 1 bambino su 8 nella zona è malnutrito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali